2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

28.10.14

Andiamo a quel paese (2014)
di Salvatore Ficarra e Valentino Picone

EVENTI
FESTIVAL DEL FILM DI ROMA

PUBBLICATO SU 
Ci sono due realtà incontrovertibili riguardo l'ultimo film di Ficarra e Picone. La prima è che si tratta di una commedia girata con la medesima amara desolazione di intenti della media di quelle dei comici televisivi trasferiti al cinema, produzioni in cui a nessuno interessa fare un buon lavoro e tutti lavorano replicando i clichè del proprio mestiere con perizia e cura a livelli televisivi; la seconda è che il duo siciliano non solo fa più ridere della media ma ha anche un'idea di comicità non cretina (e non certo da oggi).
Nel film portano avanti il loro tipico sovvertimento per il quale ripudiano come possono il lavoro, l'impegno e la correttezza, una versione aggiornata del classico ritratto impietoso in stile Sordi, quello per il quale si replicano i personaggi peggiori fedelmente, senza condannarli nella sceneggiatura ma esponendone la ridicolaggine. Non vogliono impegnarsi e iniziano a radunare anziani per estorcergli la pensione, rappresentando una generazione che obbliga l'altra a mantenerla, cioè il capovolgimento del principio per il quale i poveri giovani d'oggi devono essere mantenuti dai genitori.

Certo il film è molto tirato per i capelli, imbastisce un paio di storie d'amore una più convenzionale dell'altra (letteralmente, una delle due ha una cretineria di fondo che le dà una parvenza d'originalità) per dare una motivazione diversa dal guadagno ad uno dei personaggi così da creare un conflitto e mandare stancamente avanti la trama. Le idee del duo in più di un caso fanno ridere con gusto, cioè lasciando un certo margine alla violenza contro personaggi e idee, prendono una parte, non sono innocui nè vogliono piacere necessariamente a tutti ma tutto sembra l'esatto contrario della messa in scena che riporta ogni stimolo nella gabbia della tranquillità.

Spero sempre di svegliarmi un giorno e leggere della scoperta dell'esistenza di un decalogo di regole per fare i film italiani girati senza voglia che si applicano regolarmente a queste produzioni. Un decalogo con accanto ad ogni regola motivazioni dogmatiche simili a quella famosa per la quale nelle commedie la fotografia deve essere chiara e naturalistica, perchè si deve capire tutto e non aggiungere grottesco o stilizzato a qualcosa di già macchiettistico. Darebbe un senso ad un buco nero che si allarga di anno in anno, spiegherebbe quello che rimane un mistero insondabile: come mai così tanti professionisti non abbiano nessuna voglia di fare qualcosa di meglio di quel che già fanno, perchè depongano le armi e si arrendano a fare i film senza personalità, perchè non lavorino nei meandri di un sistema che gli chiede prodotti brutti per inserire lo stesso qualcosa di ricercato come nel cinema si è sempre fatto.

2 commenti:

Fabio ha detto...

Sono dell'idea che i miei concittadini Ficarra e Picone, cabarettisti geniali, sbaglino a voler portare al cinema i personaggi dei siciliani nati stanchi, con poca voglia di lavorare e inclini all'imbroglio e al compromesso.
Infatti il loro miglior film è quella commedia sentimentale in cui interpretano due guide turistiche.


Gabriele Niola ha detto...

io non so se il problema siano i personaggi. A me questo film pare comunque divertente (o meglio abbastanza divertente) il problema è che dirigano loro le storie, che non ci sia nulla se non la battuta.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.