2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

27.11.14

It follows (id., 2014)
di David Robert Mitchell

AFTERHOURS
TORINO FILM FESTIVAL

PUBBLICATO SU 
Che il sesso disimpegnato e gioviale degli adolescenti sia un male per l'horror americano, ovvero la principale causa di morte, è un dato di fatto ma It follows lo eleva a contaminazione: facendo sesso ci si passa la maledizione, ovvero la visione di persone che camminando con calma e ti seguono ovunque, possono metterci molto ma ti raggiungeranno sempre e se ti prendono ti uccidono. Facendo sesso con qualcuno la maledizione passa a lui o lei, se la persona in questione muore torna indietro a te.
Quando il suo amore occasionale trasmette (e spiega) la maledizione a Jay, pregandola di liberarsene in fretta anche lei ("Sei una bella ragazza, non sarà difficile per te"), i suoi amici fanno quadrato intorno a lei e invece che passarla decidono di combatterla.

David Robert Mitchell ha intenzione di girare un horror sofisticato e intellettuale, non manca nessuna occasione di giocare con l'idea della persecuzione e inventa mille soluzioni visive che usino il contrasto tra primo piano e sfondo, tra dubbio e certezza che ci sia effettivamente un inseguitore per cercare di suggerire che la maledizione non se ne andrà mai, che l'ossessione è nella testa.
It follows vuole fornire molto la sensazione di essere una grande allegoria di qualcos'altro, se il primo pensiero sono le malattie veneree, il sospetto è che in realtà il regista volesse parlare di un certo isolazionismo da quartieri suburbani in questo film in cui i genitori e gli adulti in genere non esistono e se sono in scena non parlano, fanno altro, sono fondale. Confinati lontano da tutto, in un microcosmo elitario i ragazzi si passano il male da cui non escono.

Non basta però il desiderio di essere più di quel che si è, non basta una certa vaghezza nell'impostare i presupposti e le conseguenze della maledizione nè il cerchiobottismo di una molto intellettuale eterna fuga a cui si contrappongono scene estremamente concrete e da horror puro come quella della piscina (curiosamente ancora una volta teatro di frammenti di azione in film autoriali come già in Lasciami entrare).
Incapace di mettere davvero paura a fronte di tanto score horror, incapace di riuscire a suggerire realmente un senso d'oppressione, come vivere in una bolla, e soprattutto incapace di mettere in scena i 4 ragazzi protagonisti con la dignità che meritano It follows fallisce e lascia l'amaro in bocca.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.