2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

26.11.14

The Babadook (id., 2014)
di Jennifer Kent

CONCORSO
TORINO FILM FESTIVAL

PUBBLICATO SU 
Quand'è l'ultima volta che avete visto un film dell'orrore che lavorava seriamente sulle atmosfere invece che sul sonoro o sul farvi prendere un colpo? Quando uno che non cercasse di generare spavento riguardo un singolo elemento ma vivesse più d'un senso di inquietudine ancestrale e di indeterminato disagio? E quando è stata l'ultima volta (o anche la prima) che un film dell'orrore vi ha commosso sinceramente? Quando infine avete visto un finale sorprendente, non per trovate di montaggio o buone idee di messa in scena, ma proprio per una svolta narrativa clamorosa ed inedita che non avreste mai pensato? The Babadook è tutto questo e un filo di più, il cinema horror ai suoi massimi livelli.
Si tratta di un film di paura scritto e girato da una donna australiana, Jennifer Kent, che adotta il principio "meno è meglio" del nuovo horror minimalista in stile Jason Blum che ha dato vita ai film migliori degli ultimi anni: quasi solo un ambiente, quasi solo due personaggi, massima concentrazione su una messa in scena curata, tecnica e diversa dal solito.

Rispettando molte premesse tipiche del genere The Babadook mostra una madre (Amelia) e un figlio di 7 anni (Samuel), lasciati soli dal padre proprio 7 anni fa, sulla strada per il parto. Lui è iperattivo come molti bambini, lei è poco incline all'autorità, molto remissiva e subisce da tutti i fronti: al lavoro, in casa e dalle amiche. Subisce principalmente per i problemi creati dall'instancabile energia di Samuel e dalla sua passione per le armi fatte in casa. Quando Amelia leggerà a Samuel il libro su Babadook, misteriosamente comparso nella loro libreria, la situazione non farà che peggiorare: più paura e meno sonno per entrambi, più stress per lei e più paranoie per lui, fino a che quel che avevano letto non comincerà a succedere realmente, Babadook rivelerà la sua presenza, in una specie di caccia al mostro tutta interna alla loro casa.

L'impianto è quindi molto tradizionale ma quel che differenzia l'opera di Jennifer Kent è la maniera in cui la regista approccia il lato oscuro della mente da cui scaturisce la paura, quell'idea per la quale il terrore sia qualcosa interno ad ognuno, una presenza che è vera prima nel cervello e che poi proiettiamo negli anfratti bui, nelle porte che si aprono e nelle cantine oscure. Lavorando magistralmente sugli ambienti, sui colori delle pareti, sulle ombre e i tagli di luce, sui vestiti e sulle inquadrature, montando la lunga sequenza di furia casalinga assieme alle immagini della televisione e giocando in una maniera fantastica con le favole e i cartoni classici (si vede molto i tre porcellini e lupo travestito da agnello ma non è l'unico riferimento c'è anche il gotico burtoniano e l'espressionismo tedesco) Jennifer Kent ottiene un horror che all'efficacia della paura affianca la discesa nella testa di Amelia, la donna distrutta che nella prima parte scatena più rabbia che compassione, per arrivare a fare quel che i film dell'orrore non fanno mai: passare dalla fondazione della paura alla sua risoluzione.
Durante The Babadook si può provare disagio e tensione autentiche ma se ne esce totalmente privi, invece che scombussolare certezze e risvegliare dubbi sulla vita individuale degli spettatori il film entra ed esce dalla disperazione, trascina verso il basso e con una forza clamorosa e inattesa risale la corrente.

In questo senso Jennifer Kent non punta al fine degli altri film di paura ma usa tutte quelle tecniche (e come le padroneggia!) per dire altro, per raccontare una storia abbastanza banale (che non riveliamo perchè trova il suo svelamento solo in un finale quasi miyazakiano) con la partecipazione, la dignità e la serietà che meritano i grandi film.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.