2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.12.14

Il ragazzo invisibile (2014)
di Gabriele Salvatores

PUBBLICATO SU 
Avevamo tutti un'idea di cosa dovesse essere Il ragazzo invisibile, cosa volevamo fosse: da chi sperava in un blockbuster americano in tutto e per tutto, a chi si augurava una via italiana al genere, a chi infine, visto il coinvolgimento di Salvatores, auspicava qualcosa di più alto, più vicino a Lasciami entrare. Il film invece, benchè cerchi di trovar casa tra una vita italiana e un prodotto più d'autore che commerciale, non è niente di tutto ciò e forse in questa sta la sua maledizione peggiore.
Il ragazzo invisibile è una storia di bambini più che ragazzi, raccontata perchè sia comprensibile più agli adulti che ai "giovani adulti" (il target a cui gli americani indirizzano i loro cinefumetti), più ai bambini stessi che agli adolescenti. È paternalistico e poco smaliziato, non indugia su quel che può affascinare un ragazzo ma su quel che gli adulti amano pensare dell'età preadolescenziale.
È insomma difficile immaginare che un film simile possa appassionare le stesse persone che affollano le proiezioni di Avengers o Iron Man, di Il Cavaliere Oscuro o anche Lucy per come manca di qualsiasi sensazione forte.

Scritto da Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo il film ha un soggetto impeccabile (ci sono le origini degli eroi, ci sono molti poteri, dei rapporti genitore/figlio che funzionano, c'è una società segreta e la minaccia che costringe il protagonista a fare l'eroe benchè ne sia riluttante) ma decide di svilupparlo guardando i suoi bambini dall'alto verso il basso con la tenerezza del genitore invece che con il fomento del coetaneo. I poteri non sono mai fonte di esaltazione per le possibilità che offrono e la svolta che danno alla vita di Michele ma più una maniera per svelarne le insicurezze, con la certezza che esse siano solo parte di una fase transitoria. Nemmeno i suoi coetanei quando lo scoprono si esaltano! Cosa ancor più lontana dal cinema americano i poteri sono fonte di pochissima azione o avventura ma più di esplorazione interiore. Se nel finale qualche sequenza avventurosa mostra i confini dell'essere invisibile e ciò che consente di straordinario (roba all'acqua di rose sia ben chiaro!), in realtà per la gran parte del film viene ripetuta a gran voce la metafora del non essere visti in un'età in cui si vorrebbe scomparire.

Con rammarico non si può non constatare che alla fine Il ragazzo invisibile non riesca ad essere nulla di tutto quel che si auspicava: non esalta il pubblico con l'esplorazione di possibilità incredibili in una vita credibile nè smuove qualcosa di inedito in una mitologia, quella dei supereroi, nota e consolidata.
L'impressione è che, in una trama ben concepita e in una location perfetta (peccato ci siano poche scene di vento triestino che donano a quel paesaggio un che di irreale e fumettistico!), Gabriele Salvatores abbia concentrato la propria attenzione sugli aspetti meno interessanti, guardando le parti meno clamorose e i risvolti più scialbi.
C'è tutto un altro possibile film che si è svolto durante la storia di Il ragazzo invisibile ma non è stato filmato.

In chiusura il fatto di esibire il backstage dei normalissimi effetti speciali durante i titoli di coda svela la totale immaturità della produzione rispetto al genere del film.

1 commento:

Manute ha detto...

Salvatores sembra quasi avere una fissazione nell'importare generi o sottogeneri dal cinema internazionali per impoverirli con lo sguardo, ahinoi, provinciale e piccino del suo cinema.
Lo ha fatto con Nirvana e il cyberpunk (tutto sommato il tentativo più sincero), poi con Amnesia e i drammi intrecciati à la Inarritu/Arriaga, poi ancora con Happy Family e il cinema di Wes Anderson (giochi cromatici,Simon e Garfunkel, carrelli laterali, carte da parati, libri illustrati, e poi ci immergi dentro De Luigi che ammicca al pubblico mentre si fa fare una sega dalla massaggiatrice cinese.)

Non so, sempre di ricalchi estemporanei di "mode" estere sul contesto italiano, mi pare che un esordiente come Sibilia con Smetto Quando Voglio abbia dimostrato di essere già più capace del nostro Premio Oscar.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.