2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

8.1.15

Ouija (id., 2014)
di Stiles White

PUBBLICATO SU 
Alla tavoletta Ouija ci era già andato vicino con Paranormal activity ma ora la Blumhouse (casa di produzione di Jason Blum) all'oggetto dedica un intero film, diretto e scritto da Stiles White (una vita negli effetti speciali poi la sceneggiatura di Segnali dal futuro e The possession) e l'aiuto in fase di scrittura di Juliet Snowden, che con lui già aveva lavorato. Il risultato è a dir poco scolastico sia nel senso canonico (ragazzi, una morte iniziale, il risveglio degli spiriti, conseguenze superiori alle intenzioni, antiche maledizioni) che in quello Blumhouse (quasi tutti interni, possibilità di sequel, attori poco noti, gran ritmo).

Tutto considerato era lecito aspettarsi di più. In passato Blum ha dimostrato una capacità sorprendente di scovare registi là dove nessuno avrebbe mai detto, di prendere montatori, aiuto registi e altri che orbitano intorno alla professione promuovendoli al loro primo (o secondo) lungometraggio con l'ordine di fare molto con poco e dando così vita a film di imprevedibile interesse (Oculus è l'esempio supremo). Ouija invece lavora al minimo, subisce le limitazioni senza giovarsene, sgomita per avere di più ma non sa come ottenerlo.

Era evidente che di Ouija a quasi nessuno sarebbe interessata la trama, srotolata senza voglia di distinguersi tra la comparsa di una serie di presenze evocate per gioco con la tavoletta a cui nessuno crede (probabilmente non esiste un film in cui qualcuno inizia ad usare una ouija pensando funzioni), qualche morte, la comprensione di come funzioni la maledizione, un'indagine da 4 soldi e il confronto finale. 
Non era insomma tra le pagine della sceneggiatura che Ouija si sarebbe dovuto distinguere ma in quella capacità che il nuovo horror americano a basso costo ha dimostrato di avere di rinnovare i canoni classici della paura, rimettere in piedi il noto senza guizzi postmoderni ma usando la paura per quello che è. L'approccio con poche sofisticazioni che spesso ha portato a film diretti e potenti, in cui la pellicola fa il lavoro di scavo e lo spettatore rinviene quel che ne emerge, in questo caso ha portato a galla i difetti degli horror più derivativi, ovvero pretende di dire ad ogni persona nel pubblico di cosa debba aver paura.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.