2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

9.2.15

Mr. Holmes (id., 2015)
di Bill Condon

FUORI CONCORSO
BERLINALE

PUBBLICATO SU  
Che follia Mr. Holmes!
Tratto dal romanzo di Mitch Cullin racconta una storia di Sherlock Holmes anziano in cui la vecchiaia ha distrutto la memoria del grande detective che ora lotta per mettere a fuoco la causa del suo ritiro dalla professione investigativa. Questo Holmes in terza età non ha quasi nulla del personaggio di Conan Doyle, non ne ha il carattere fiero, l'arroganza, la terribile noia tra un caso e l'altro, il rapporto morboso con Watson (sposato e finito fuori da tutto) nè infine il formidabile potere deduttivo. Ian McKellen interpreta le spoglie di Holmes, l'ombra dell'uomo che era in lotta contro se stesso e contro la sua scarsa memoria per capire qualcosa. Un'ultima volta.

La premessa in sè non sarebbe tragica, è la realizzazione l'autentico pugno nello stomaco. Bill Condon, dopo aver rovinato Julian Assange in Il quinto potere e aver diretto gli ultimi due film della serie Twilight, ora gira un lungometraggio per chi è cresciuto tutta la vita con Sherlock Holmes e si trova adesso all'età che il personaggio ha nella storia. La terza età di un nome famoso messa in scena per un pubblico dalla terza età, indugiando sulla più vergognosa indulgenza a tutto campo, macerando nel pentimento di quanto fatto in passato e nella revisione di ogni caratteristica saliente del personaggio, in questa maniera Holmes perde ogni identità e diventa un uomo come altri, un buon nonnino (da che con il suo fare si è sempre caratterizzato come antipatico e scostante). E anche Ian McKellen, decisamente più interessato alla propria interpretazione che al film, non si risparmia in artifici di vecchiaia, espressioni di vuoto mentale e dettagli di anzianità, in un tripudio recitativo mai arginato da Condon che si mangia anche quel poco del film che poteva avere un senso.

Ancora più grave il ritiro campagnolo da cui opera mr. Holmes è gestito da una badante/donna tuttofare con figlio a carico che diventa il nuovo "simpatico" aiutante dell'investigatore. Appassionato dei libri scritti da Watson sulle loro indagini, il bambino mette sui binari giusti il protaognista sia riguardo l'enigma del suo ultimo caso, sia riguardo un più prosaico caso di api morte nel loro giardino. L'unico obiettivo di tutto ciò è un climax finale di buoni sentimenti un tanto al chilo, poter arrivare a fare un agghiacciante dolly di chiusura (che probabilmente è stato girato con un drone) di zuccherosa gentilezza. L'ultima coltellata di questo massacro.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.