2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

8.11.15

Summer camp (id., 2015)
di Alberto Marini

SCIENCE PLUS FICTION FESTIVAL
NEON
Nell'inizio c'è un indizio: 4 ragazzi si allenano nel bosco, una corre a perdifiato bendata tra gli alberi e un'altra la segue dicendogli quando girare e dove mettere i piedi. Subito tensione, subito stranezza, subito carattere.
Ma non solo un'illusione momentanea, c’è grazie a Dio un’idea di puro cinema alla base di Summer camp, una che parte dalla sceneggiatura e ricade sulla messa in scena, come nei casi migliori. Si tratta di mettere gli spettatori sui binari più consueti (c’è un campo estivo spagnolo che sta per aprire, a lavorarci sono dei ragazzi americani, ad un certo punto però si sparge un’epidemia di rabbia che rende alcuni di loro bestie sanguinarie assetate di morte), proporgli la più classica delle cornici di genere con personaggi (una ragazza ricca, una più spartana e un ragazzo impacciato), location (una vecchia villa abbandonata in mezzo al nulla) e svolgimento usuali (fuga dai rabbiosi ed esigenza di sopravvivere) per poi introdurre le variazioni significative.

In questo caso l’idea di Summer Camp sta tutta nel fatto che tutti sono contaminati, solo che la rabbia colpisce ad ondate, dunque ci saranno momenti in cui alcuni sono sani e devono fuggire mentre altri sono rabbiosi e inseguono, e altri in cui accadrà il contrario. I ruoli si invertono di continuo nel film, costringendo gli stessi personaggi a rivedere le loro strategie di salvezza e consentendo al film di passare da vittime femminili (scream queen) ad indomiti eroi maschili nella medesima parte. Gli obiettivi e le speranze di salvezza di colpo non sono quelle cui siamo abituati, non è mai chiaro cosa fare nè come, c’è un’instabilità che dà ad ognuna delle invece consuete impennate di tensione una forza maggiore.

Non solo quindi questa novità porta un po’ d’aria nell’abusata struttura ma consente a Alberto Marini di gestire sorprese, inquadrature e scansione della storia in una maniera molto più libera e coinvolgente. Può addirittura essere serio con una trama altrimenti risibile perché ha dalla sua la forza di un intreccio che non è scontato e finalmente la domanda più necessaria ha un senso: chi si salverà?
Ma non basta: Summer Camp, che è un film dalle ambizioni giustamente controllate, ha anche la bravura di rimanere in un terreno morale ambiguo, non santifica i propri personaggi ma lin contamina di una meschinità più che opportuna. Senza piegarsi vigliaccamente alla dittatura della mitologia zombie, addirittura prende quel che gli serve e ne fa ciò che vuole, decidendo in autonomia come possano funzionare nel proprio universo (non contagiano e sembrano molto più umani). Fierezza intellettuale e umiltà cinematografica, unite ad una durata più che opportuna (81 minuti, il minutaggio perfetto per l’horror di questo tipo): inappuntabile.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.