2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

16.1.16

Il labirinto del silenzio (Im Labyrinth des Schweigens, 2015)
di Giulio Ricciarelli

In Il labirinto del silenzio tutto quello che solitamente i film sulla shoah si fanno vanto di mostrare viene negato, viene raccontato, evocato e messo nella testa degli spettatori senza effettivamente mostrarlo. Il genere in assoluto più crudo e impietoso rinuncia alla sua caratteristica primaria, quella sorta di missione di cui si autoinveste e che consiste nel mostrare l’orrore perché nessuno dimentichi, calcando la mano con le armi del cinema quanto più possibile sulla crudeltà e l’infamia, la mancanza di umanità e il dolore. Come se quello fosse l'unico metro su cui si giudica la correttezza morale del genere (quando invece è più probabile il contrario). Questo avviene perché Il labirinto del silenzio in realtà è più un film sulla Germania che si è opposta al nazismo che uno su quella nazista.

Il film di Giulio Ricciarelli prova a guardare retrospettivamente l’olocausto e desumere le cause dalle conseguenze. L’operazione sarebbe raffinatissima ma il risultato lo è molto meno, procede con una certa meccanicità, una svolta dopo l’altra, senza il gusto dell’indagine nè l’indignazione della scoperta. Non è cinema di ampio spettro sociale, nè vero film di genere. Alla fine quindi sono la soddisfazione della scoperta o la frustrazione del complotto a mancare da questa la storia di un avvocato che, indagando su dove si nascondano i criminali nazisti nella Germania del dopoguerra, scopre che esiste un sistema molto radicato di protezione, che il nazismo potrà essere finito ma gli uomini sono gli stessi di prima e continuano a proteggersi a vicenda.

L’unico obiettivo che pare premere davvero al film è l’assoluzione di un’ampia fascia di tedeschi. La caccia agli uomini responsabili delle massime atrocità è infatti finalizzata, già all’interno della storia, a far sì che nessuno dimentichi cosa è accaduto e che quanti non sanno o non credono non sia vero vengano a sapere. Dopo la grande elaborazione cinematografica del periodo nazista che abbiamo visto negli ultimi anni, qui la Germania si tira fuori dall’equazione, cominciando a discernere buoni da cattivi, cominciando a mostrare al fianco dei nazisti coloro che vogliono combatterli già all’interno del sistema e soprattutto coloro che non sanno. Un popolo che prende coscienza di cosa gli è successo dopo che questo è successo, la generazione dei figli dei nazisti che cerca di riequilibrare le cose e condannare i propri padri senza condannare anche se stessi.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.