2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

3.2.16

Orgoglio e Pregiudizio e Zombie (Pride and Prejudice and Zombies, 2016)
di Burr Steers

La vera sorpresa di Orgoglio e Pregiudizio e Zombie è quanto dietro un titolo da exploitation, uno cioè pronto per essere sfruttato per la sua capacità attrattiva e non per fare da cappello ad un film che ne espanda le premesse, si nasconda in realtà un film non semplice da girare e scrivere. Siamo quindi molto lontani dalla spietata esca per biglietti che era Snakes on a plain, qui ci sono idee e volontà di raccontare una storia con una voce unica e personale.
La base è l’omonimo libro di Seth Grahame-Smith che a sua volta riscrive il romanzo di Jane Austen cambiandone le premesse, su questa però Burr Steers ha lavorato parecchio per creare qualcosa che fosse anche autonomo. Ed è proprio questo sapore, la mitologia originale creata dal film, che da subito colpisce e in ogni momento tiene in piedi il film. Anche quando magari la storia o lo svolgimento si adagiano sui soliti clichè.

Nell’Inghilterra Vittoriana c’è stata un’apocalisse zombie, tutto è cambiato, i morti camminano sulla terra e il Regno Unito ha preso provvedimenti per combatterli. Dopo decenni di questa guerra sono cambiati i costumi, è cambiata la moda, le usanze, l’architettura e anche la toponomastica delle città, il passato di Orgoglio e Pregiudizio e Zombie è di fatto uno steampunk con meno tecnologia ma lo stesso grado di retrofantascienza. Il primo salto in avanti, non è comune al cinema di più rapido consumo, arriva qui, perchè tutti questi cambiamenti hanno portato anche ad un sovvertimento sociale: le donne della buona società inglese vengono mandate in oriente ad imparare le arti marziali per sopravvivere, dunque sono loro le guerriere e non gli uomini, i quali tuttavia continuano a comandare. Il terreno grigio di questa rivoluzione rimane il corteggiamento, ancorato a rituali passati ma influenzato dai diversi rapporti di forza.

Poste queste premesse il film, agitando i personaggi di Elizabeth Bennet, delle sue sorelle, di Darcy e degli altri uomini, unisce gli zombie al romanzo di Jane Austen, per creare una storia d’amore contrastato contaminata d’azione, sufficientemente classica per far sospirare, sufficientemente moderna per giustificare diverse esplosioni. Unendo la tendenza contemporanea del cinema hollywoodiano verso le eroine femminili, a topoi eterni quali il salvataggio all’ultimo momento o i grandi scontri finali, e condendo tutto con un gusto espressionista per il character design (ogni personaggio ha sue, armi, vestiti e caratteristiche, come la benda sull’occhio di Lena Headey) il film trova un suo equilibrio peculiare.

E nonostante non sbagli la mescolanza di generi, dando tanti colpi al cerchio dell’azione fantastica, quanti alla botte del romanticismo, Orgoglio e Pregiudizio e Zombie pecca solo in ambizione. Desiderando essere una storia semplice e lineare rimane lì. Lontano dal cinema di serie B per eccessiva complessità e ricchezza di intrecci ma anche lontano dal cinema con ambizioni, questo film vive in un limbo in cui regala in egual misura soddisfazione e senso di un’occasione un po’ perduta.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.