2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

14.3.16

The divergent series: Allegiant (id., 2016)
di Roberto Schwentke

Allegiant è una tragedia.
Questa saga fatta più che altro di indecisione ha cambiato regista dopo il primo episodio e soprattutto sceneggiatori ad ogni nuovo film. Tre team diversi hanno realizzato tre film poco coerenti e sempre peggiori. Mentre il primo si difendeva, ricalcando come poteva Hunger Games ma trovando anche una propria autonomia nell’ambientazione, e il secondo invece era più conservatore, sembrava cioè mirare ad arrivare alla propria fine senza far danni, questo terzo è uno dei peggiori pasticci visti nel cinema americano ad alto budget degli ultimi anni.

Ci sono moltissime trame che convergono o addirittura vengono lanciate in Allegiant. E nessuna funziona.
Non funziona di certo la storia tra Tris e Quattro, la grande passione tutta abbracci e qualche casto bacio. È ovvio che non ci potrà essere nulla di più in questo film dal rating necessariamente basso ma Allegiant sembra sottolinearlo facendo esprimere ai due il desiderio di essere da soli e quando lo sono lasciando che si abbraccino e basta, mettendoli nelle docce nudi e sottolineando come non li vedremo davvero nudi. La tensione tra Sahilene Woodley e Theo James poi è praticamente inesistente fin dal primo film.

Non funziona la fantascienza. Già Hunger Games ha iniziato a demistificare l’accuratezza tecnologica, trattando la parte tecnica del futuro al pari di magia, ma qui ogni possibile coerenza è buttata nel cestino. Non solo la scienza è magia, cioè può tutto senza bisogno di avere regole, limiti e un suo funzionamento intellegibile, ma le sue regole vengono riviste ogni minuto a seconda dell’utilità.
Non funziona la nuova trama con il mondo al di fuori della città e il grande ordine planetario, fatto di un nuovo inaffidabile leader politico (l’idea è buona, ma la paternità va ad Hunger Games) e soprattutto non funziona il look del pianeta devastato. Le guerre o l’inquinamento o chissà cosa hanno reso tutto rosso senza particolari conseguenze. Solo Rosso. La fantascienza è soprattutto design e la capacità attraverso la cura visiva di immaginare una dimensione estetica lontana dal nostro oggi che, da sola, comunichi cosa ci è successo. I film sul futuro comunicano tutto con il loro look insomma. Quello di Allegiant è solo un’accozzaglia di luoghi comuni di scenografia, costumi e fotografia degno dei pessimi futuri da periferia di Roma del cinema di genere italiano degli anni ‘80.

Non funziona per nulla infine l’intreccio. Gli sceneggiatori prediligono la rabbia e l’istinto al confronto verbale, in tutti i momenti in cui sarebbe opportuno spiegarsi i personaggi non lo fanno pretendendo o di essere creduti sulla parola o di poter agire con la forza e ottenere quel che serve. Salvo poi, in extremis, dimostrarsi molto svegli, intelligenti e inclini alla dialettica quando serve. Questo giustifica un prorogarsi di inganni e incomprensioni utili a spostare in avanti il finale con il minimo della fatica e il massimo della noia e del distaccamento emotivo.
È dunque indispensabile una fede incrollabile nell’amore per la saga e almeno un paio d’occhi foderati di prosciutto dall’amore per tutto quel che riguarda Tris e soci per digerire il peggior capitolo finale dei franchise contemporanei, titolo che non pensavamo avremmo dovuto riassegnare dopo la fine di Twilight e che speriamo di non dover fare quando arriverà Ascendant.

2 commenti:

zioluc ha detto...

mi spiace per te che te li vai a vedere :-)


Gabriele Niola ha detto...

mi pagano :)


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.