2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.3.16

Un nuovo giorno (2016)
di Stefano Calvagna

Mentre nelle sale sta terminando la sua corsa The Danish Girl arriva Un nuovo giorno di Stefano Calvagna. Il tempismo sembra quello dei film Asylum, produzioni con budget inferiori che affrontano temi molto simili a quelle di budget alto per sfruttarne la ricaduta del battage pubblicitario. Anche se sembra improbabile che Calvagna, autore con una media di un film ogni due anni, abbia cercato la sovrapposizione, di fatto questa esiste e Un nuovo giorno si trova a fare il racconto di un ragazzo dei nostri giorni che diventa donna, partendo esattamente dai presupposti del film di Tom Hooper.

Seguiamo Giulio fin dalle elementari, da quando la sua idea di essere femmina e farsi chiamare Giulia gli attira l’odio e il disprezzo dei compagni e di maestri e psicologhe. Poi lo vediamo ragazzo e adulto cercare di trovare una propria strada, dei propri amori e infine decidere per la grande operazione. Diventato trans però non vivrà una vita più facile.
Un nuovo giorno è un film che non ha dubbi su quale sia la posizione da prendere, come sempre nei film di Calvagna lo schieramento è una questione di tifo e non ha sfumature. Il problema però è che questo non avviene con lo sguardo ma con le parole. La scelta del film non è quella di lavorare su come vengono guardati i personaggi (con pietà, con rispetto, con livore o con partecipazione) ma di lavorare su quel che dicono, risultando in un’eccessiva santificazione di Giulia, senza la consapevolezza di voler ricalcare il martirio.

Purtroppo sceneggiatura e recitazione sono di livello bassissimo e questo, unito ad uno stile di racconto dal ritmo molto blando che riempie d’enfasi esagerata ogni scena, tenendo così sempre troppo vicino il ridicolo, subito posiziona il film sul fondo del barile del gradimento. Le peripezie di Giulio però subiscono un’incredibile battuta d’arresto a tre quarti, uccidendo anche quel poco di interesse che l’inizio aveva stimolato. Solo una parte finale in cui entra in scena il trans sembra ridare al film un minimo di afflato. Il viaggio e la voglia di documentare il cambio di sesso abusando di scenari stranieri ed esotismo, con attrezzature un po’ più leggere e riprese all’aria aperta quasi documentaristiche, paiono le uniche scelta sensate di un film che per il resto annaspa dall’inizio alla fine.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.