2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

13.4.16

Il Libro della Giungla (The Jungle Book, 2016)
di Jon Favreau

Grazie a Dio lontano da Alice in Wonderland e più vicino invece alla Cenerentola di Kenneth Branagh, questo ritorno di un classico d’animazione Disney in live action non è una sua versione dark e fantasy come poteva esserlo stato Maleficient (una cioè in cui si espande una storia, creando un preambolo, spiegando le origini di ogni elemento, stabilendo delle forze in campo e fondando una mitologia) ma un riadattamento della fonte principale, Il Libro della Giungla di Rudyard Kipling, o meglio il complesso di storie che riguardano Mowgli contenute in quella raccolta di racconti e nella successiva Il Secondo Libro della Giungla.
Disney stesso andò vicino a farne una versione più dura del solare film d’animazione che conosciamo, è probabile che questo film di Jon Favreau sia quel che più si avvicina a quella prima idea.

Il Libro della Giungla del 2016 infatti comprende molto di ciò che la Disney cambiò e inventò (il personaggio di Re Luigi, totalmente assente nel libro, come anche il fatto che Kaa sia un personaggio negativo e non positivo o il carattere giocoso di Baloo), avvicinandosi però anche al tono del libro. Rispetto a Wolfgang Reitherman a Jon Favreau interessa profondamente l’idea che un uomo non appartenga alla giungla ma possa lo stesso abitarla a modo proprio (Kipling invece non aveva risposte e presentava la cosa come un problema continuamente in discussione). Se il cartone Disney era dominato da una morale per la quale ognuno deve ricongiungersi al proprio mondo e vivere con i propri simili, questo film invece afferma l’esatto contrario: si può essere diversi, mantenere le proprie individualità e lo stesso vivere insieme. Il fatto che i due film siano separati da più di 50 anni di evoluzione del costume della società non sembra un elemento trascurabile.

Tutto ciò senza negare la tradizione. Come Cenerentola infatti, questo Libro della Giungla non si oppone al cartone che lo precede ma ha un rapporto virtuoso con esso, cercando e trovando quelli che lì erano i punti cardine della storia. Pur cambiando un po’ l’intreccio (per il meglio!) il film continua a puntare sulle medesime scene madre per non dire le medesime melodie (che non diventano mai numeri musicali per fortuna ma rimangono piccoli momenti di canto).
Finalmente però la giungla è una casa e non un problema per Mowgli, un luogo in cui non dover essere lupo ma poter essere uomo. A caratterizzare il bambino cresciuto dai lupi per tutto il film è infatti la sua capacità di usare l’ambiente intorno a sè e così sovvertire molte regole. Gli altri animali li chiamano “trucchi” ma sono lo specifico umano: utilizzare oggetti e artefatti per fare ciò che il corpo non consente, dalle armi alle trappole fino ai salvataggi. Questo era assente nel cartone, qui però si sposa in toto quest’idea di un uomo che piega la natura alle proprie esigenze (come Robinson Crusoe, solitamente considerato l’opposto logico di Mowgli) con la possibilità di vivere assieme chi invece la natura la segue senza discuterla.

Se filosoficamente siamo in un territorio decisamente più complesso, moderno e affascinante, il vero gioiello del film è però l’impeccabile lavoro sulla computer grafica. La tecnica è mirabile, tuttavia a conquistare è l’idea che sta dietro di essa, quella che porta a compimento l’evoluzione più interessante dell’antropomorfismo nell’animazione degli ultimi anni.
Disney, che in un certo senso ha fatto da punto di riferimento nel campo dell’uso di animali in storie che li umanizzano durante il novecento, qui rimette al centro l’animazione animale con un realismo che non nega l’espressività. Gli animali di questo Libro della Giungla non somigliano per nulla agli uomini, mai, somigliano a se stessi, con una ricerca di dettaglio determinante, eppure i loro atteggiamenti umanizzati lo stesso riescono a restituire una serie di espressioni implausibili per una bestia che fanno da ponte tra le due razze.
Veri e falsi al tempo stesso con diverse sottigliezze, gli animali sono la materializzazione del fantastico in una storia che non ne avrebbe e che, anche negli sfondi e nella giungla, cerca e trova un’unione bellissima tra reale e fantastico, tra esotico e fotografico, mitico ed effettivo.

2 commenti:

Fabio ha detto...

Ho colleghi che ci hanno lavorato. Non sono potuto andare per le allergie stagionali agli occhi e rosico abbestia.
Mi ha molto interessato la tua spiegazione sull'umanità di Mowgli. Disney è sempre abbastanza diversa da come la si vuole far passare e, sia nel vecchio che nel nuovo, propone sempre un bene ideale che riesce a sembrare naturalmente "giusto". Non so se è una capacità seduttiva dovuta all'immensa statura artistica... o se c'è una saggezza di fondo. Mi piace pensare che siano due cose che si fondono in una, per certi tipi di persone.

Mi consigli di vederlo in stereoscopia?


Gabriele Niola ha detto...

io consiglio sempre la stereoscopia perchè nella peggiore delle ipotesi non leva e non mette, qui è decente


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.