2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

9.11.16

Kill Command (id., 2016)
di Steve Gomez

ASTEROIDE COMPETITION
SCIENCE PLUS FICTION FESTIVAL
 
In un bosco dei militari inviati a testare robot da guerra sono studiati prima e assaliti poi dai suddetti robot che sembrano non rispondere a nessun comando. Con loro è stata mandata una delle persone che li ha programmati con il compito di controllare l’andamento del test, ma è subito chiaro anche a lei che non ci sono possibilità di tornare indietro, le macchine stanno facendo ciò per cui sono programmate: imparare dagli umani e allenarsi fino ad averli sterminati.

Dovrebbe essere Terminator incontra Predator l’opera prima di Steve Gomez, cioè l’azione ammantata di paura, invece porta in dote un’autonomia tutta sua nella maniera in cui si diverte ad immaginare la guerriglia del futuro in un ambiente primitivo. Nonostante abbia in testa temi alti come la responsabilità individuale e il rapporto conflittuale con le macchine (a cui insegniamo ogni cosa ma di cui poi temiamo l’autonomia), Kill Command non riesce a non essere un film d’azione e di corpi pesanti, di metallo duro contro materia morbida. In lui le qualità da B movie sono così evidenti e smaccate da rivelarsi insopprimibili, una tensione verso l’emersione che tiene vivo il ritmo del film in ogni momento.
Liberatoria e dolcemente prevedibile, questa caccia nel bosco tra intelligenze artificiali e intelligenze umane riesce a centrare con pregnanza ogni tappa predeterminata del proprio genere, senza autocompiacersi di aver realizzato un film di fantascienza a budget basso ma resa altissima.

La strategia del film d’azione di Gomez è di far muovere pochissimo i propri personaggi, di giocare a dama più che farli correre, dimostrando di conoscere bene quale sia il reale interesse dello spettatore nel momento in cui guarda un film d’azione, non solo l’armonia del montaggio ma soprattutto la vittoria di una parte sull’altra con un misto di ardimento e intelletto.
Quando si dice che questo è cinema “artigiano” è questo che si intende, la sapienza nel fabbricare un film data dal saper dosare ingredienti noti e risaputi con una maestria tale da creare un mix perfetto. Di fronte a questo la prevedibilità conta zero, l’esecuzione è tutto.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.