2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

13.2.17

The Final Portrait (id., 2017)
di Stanley Tucci

BERLINALE
COMPETITION
La cosa più forte di The Final Portrait, specie per gli amanti del lavoro da attore di Stanley Tucci (qui regista), è quanto ci sia nella messa in scena del suo gigantesco mestiere gigantesco di quest’attore. Attore da un pugno di scene a film, ma sempre memorabile, Tucci ha affinato negli anni una capacità magistrale nel dare vita nei pochi minuti sullo schermo di cui dispone per ogni pellicola a personaggi complessi e affascinanti, è in grado di animare scene da solo senza bisogno di aver avuto altri momenti per creare un background al personaggi, è capace con pochissimi gesti di concentrare e sintetizzare ciò che altri possono fare lungo tutto un film. The Final Portrait è un film così, di piccoli gesti, attimi minuscoli e un’infinità di dettagli che parlano molto più del quadro generale.

La storia del ritratto che Alberto Giacomelli ha fatto al giornalista James Lord (raccontata in un libro dello stesso Lord, qui interpretato da Armie Hammer, di nuovo gentiluomo di classe dopo The Social Network, Free Fire e Operazione U.N.C.L.E.) è un modo per esplorare la creatività e la personalità di questo sculture e pittore svizzero. Tucci usa l’odissea di quella realizzazione (odissea molto ordinaria per Giacomelli) per mostrare concetti abusati come quello di musa, di artista sregolato, di tristezza finalizzata alla creazione e perfezionismo, eppure ciò che è più memorabile di questo film sono una lunga serie di momenti ordinari e significativi. La creazione come mestiere noioso, estenuante e quasi da impiegato.

Ovviamente The Final Portrait è una galleria di interpretazioni molto curate (con uno stropicciatissimo Geoffrey Rush, finalmente di nuovo in gran forma, e Tony Shalhoub in un ruolo che in un’altra produzione sarebbe andato a Tucci stesso), ma sia dal punto di vista recitativo che da quello registico è come se in questa specie di set in miniatura, in questa bottega dove paiono non esistere i colori (gli unici li portano le donne, ma sono fugaci e stonate apparizioni), gli attori si muovono come su un palco teatrale e tutto si ripete uguale giorno dopo giorno, avvengano cose che il film coglie e che emanano un mondo intero.

Per quanto poi The Final Portrait non brilli di gran luce e abbia anche momenti molto dimenticabili (come il “simpatico” montaggio musicale), è difficile staccarsi da questo racconto classico di un personaggio grandioso e irruento, che impreca davanti alla tavola e potrebbe non smettere mai di ritoccare le sue opere, innamorato delle donne e impervio al denaro, proprio perché individua nei dettagli il demonio del cinema trasferendo per l’appunto ad un film intero quel lavoro sottile che Tucci fa sui suoi personaggi.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.