2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

9.2.17

Un Re Allo Sbando (King of the Belgians, 2016)
di Peter Bronsen e Jessica Woodworth

Re Nicola III del Belgio è in visita in Turchia assieme al suo entourage e ad un regista incaricato di fare un documentario-ritratto-agiografia su di lui quando riceve la notizia che la Vallonia si è separata dal resto della nazione. Il Belgio è spezzato in due e lui è lontano. Una tempesta elettromagnetica ha bloccato ogni volo e non c’è modo di raggiungere il proprio paese, anche perché la Turchia, intenzionata ad entrare nell’Unione Europea, non vuole che lui si muova per evitare incidenti. Dovrà scappare in auto e attraversare mezzo continente per arrivare a casa, seguito dalla videocamera di un documentarista sempre più eccitato da costa sta diventando questo film.

Un Re Allo Sbando prende subito la strada del grottesco e dell’assurdo, parte da uno spunto di fantapolitica concreto, ma lo abbandona immediatamente quando, come prima soluzione per uscire dalla Turchia, il re del Belgio assieme al suo valletto, l’ufficio stampa e l’attendente si travestono da cantanti folk balcane per passare inosservati. Non c’è nessun lento passaggio, da massimo del formale il re diventa macchietta immediatamente e manterrà questo tono per tutto il film. Il viaggio attraverso i balcani segnerà la storia dello scioglimento di un animo ingessato e troppo lontano dalle questioni della vita per poter essere davvero il regnante che desidera, ma Peter Brosens e Jessica Woodworth sembrano non essere interessati alla plausibilità di questo racconto di fantasia.

Ciò che impedisce a Un Re Allo Sbando di decollare è sempre l’impressione di essere più vicini all’animazione (ma senza il suo ritmo indiavolato) che alla commedia, il totale disinteresse per la coerenza dei personaggi, presentati come giustamente ingessati dal protocollo e poi pronti a dimenticare tutto troppo in fretta. Anche l’idea di scegliere un formato da found footage, usando solo ciò che in teoria il documentarista sta girando è usato al minimo delle potenzialità, mancando di continuo il punto e l’umorismo delle situazioni che mette in piedi. Sorvolando sugli assurdi turchi che inseguono il re come se dessero la caccia ad un criminale, l’esigenza di mettere in moto un gruppetto disperato e braccato passa sopra qualsiasi costruzione raffinata e rende il film una sequenza di gag slegate, a tratti nemmeno sufficientemente divertenti.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.