2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

29.3.17

La Vendetta di Un Uomo Tranquillo (Tarde para la ira, 2016)
di Raul Arévalo

Ci sono due film in uno dentro La Vendetta Di Un Uomo Tranquillo e la maniera in cui dialogano è ciò che anima l’atmosfera di una vita vissuta senza poterla mai godere.
Il cinema di vendetta, quello classico, è fatto di tensione e rilascio, cioè di una terribile vendetta perpetrata, cercata e bramata lungo tutto il film che ha senso in virtù di una tensione solitamente accumulata in anni. Tra l’atto che motiva la vendetta e il tentativo di perpetrarla che seguiamo c’è sempre un’interruzione, del tempo che è passato e in cui è stato covato rancore. Quel tempo è spesso saltato, suggerito, implicato, La Vendetta di Un Uomo Tranquillo invece lo rende esplicito e lo indaga.

Dopo una rapina andata male (ma il pianosequenza che la mostra è bellissimo) in cui muore la moglie del protagonista, questi tenta di rifarsi una vita, lasciando però che dentro di lui monti la rabbia per l’evento. Questo periodo in cui vagare, cercare altre persone con cui poter stare, altre vite possibili da vivere e una specie di scampo dalla persecuzione di quegli eventi tragici, è il corpo principale del film, prima che tutto, inevitabilmente (lo sappiamo da subito che accadrà) precipiti di nuovo. Il thriller e la violenza si annidano in agguato lungo tutto il dramma, in attesa di tornare inevitabilmente, e la maniera in cui esiste la latente sensazione di un mondo violento in agguato è una conquista filmica meravigliosa. Impressionante per un esordiente.

Perché per il resto La Vendetta Di Un Uomo Tranquillo sa essere convenzionale con stile, recitato benissimo (Arévalo è al primo lungometraggio da regista dopo una carriera da attore a ottimi livelli) e dotato di quella sintesi di scrittura indispensabile per un racconto audiovisivo godibile. Smarcandosi dalla scansione naturale del thriller di vendetta come lo conosciamo, Arévalo scopre un anfratto nella sua storia che solitamente rimane in ombra. Il suo film non manca nemmeno un clichè ma scambia l’ordine di importanza degli elementi della storia e così facendo cambia sguardo, sui soliti eventi. Come se potesse vedere tutto da un’altra prospettiva, crea un ambiente e un mondo in cui la vendetta non è più una radicale scelta morale, o un modo molto cool di indirizzare la propria vita, ma diventa un atto di vigliaccheria e autoflagellazione.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.