2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

28.3.17

Il Viaggio (The Journey, 2017)
di Nick Hamm

C’è sempre qualcosa dietro alla scelta di fare di un film un unico grande confronto tra due o tre persone. Non è solo la battaglia dialettica (Frost/Nixon), la lenta scoperta di una verità (La Gatta Sul Tetto Che Scotta) o l’opportunità filosofica (Quel treno per Yuma) o ancora l’elaborazione dei drammi reali (La Morte e La Fanciulla) ma ogni volta è il desiderio di rendere attraverso lo scontro di idee e punti di vista il conflitto umano più grande in assoluto, cioè l’esigenza di dover convivere per poter prosperare.

In Il Viaggio Ian Paisley e Martin McGuinness devono convivere nella stessa automobile per un viaggio, sono i leader delle due fazioni religiose e inevitabilmente politiche che hanno lottato in Irlanda del Nord. È un viaggio che non è mai esistito, inventato e creato ad arte dallo sceneggiatore Colin Bateman per Nick Hamm e il suo film, un’immaginaria conversazione dietro al vero accordo storico tra i due per la formazione del governo del 2007, il primo che unisse le due fazioni responsabili del decennale conflitto sanguinario. I due sono messi nella stessa auto con uno stratagemma, ad ascoltare le loro conversazioni e a guardarli con microfoni e videocamere nascoste c'è Tony Blair, nella trovata più scema e ingenuamente metaforica di tutto il film.

In sé, con la sua conversazione inventata, i suoi riferimenti reali ma anche i dialoghi creati arbitrariamente e i suoi caratteri solo lontanamente ispirati a quelli dei due veri personaggi, Il Viaggio non può davvero parlare del proprio tema (la guerra civile in Irlanda Del Nord), quello di cui davvero parla, e anche molto bene, è inevitabilmente la politica nel senso più generale e meno contingente: come esigenza umana.
Come due uomini dagli ideali di ferro, molto più convinti e dediti alle proprie cause del politico medio, possano e debbano venire a patti e compromessi con sé, la propria storia e la propria etica per un bene superiore. A partire dagli spazi stretti dell’automobile, dall’esigenza di non darsi fastidio nella tratta e poi doversi aiutare per superare piccoli problemi (tipo una gomma bucata), Il Viaggio oscilla tra materiale e ideale ammirabilmente, tra contingente e assoluto in maniera più ampia di un dramma teatrale, con un uso ammirabile degli spazi, stretti o ampi che siano, come sfondi mai casuali ma alcove evocatrici.

La materia dei dialoghi tra i due oscilla tra le accuse, le recriminazioni, gli intenti, i valori e l’affermazione del proprio mondo e delle proprie ragioni sull’altro, ma esiste anche una sottile strategia nelle teste di ognuno che costituisce il sale filmico, quella dolce falsità e retorica della narrazione audiovisiva che rende la storia mito. I Paisley e McGuinness reali hanno colpe e responsabilità che al cinema interessano solo relativamente, solo quando sono utili a metterli in crisi, quelli falsi di Il Viaggio sono titani, emblemi di virtù con contrasti interiori terribili e tempestosi. Ci voleva un gran coraggio a piegare così tanto figure vere e importanti della storia irlandese, a inventare e creare così tanto su fatti e questioni drammatiche per tirare fuori qualcosa di cui certamente possono beneficiare più i non irlandesi che gli irlandesi.

2 commenti:

Paolo Parisini ha detto...

Scusa in che senso "l'opportunità filosofica" in Quel treno per Yuma?


Gabriele Niola ha detto...

Nel senso che quel film si fonda sull'incontro e il confronto di due visioni di mondo tutt'altro che semplici (per quanto diverse) e sull'inclinazione dei due protagonisti a confrontarle invece che affermarle come fossero principi granitici. È l'opportunità che il film coglie di fare di quella contrapposizione non una lotta umana ma una dialettica filosofica


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.