2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

23.5.17

Fortunata (2017)
di Sergio Castellitto

UN CERTAIN REGARD
FESTIVAL DI CANNES
Nei film di Sergio Castellito e Margaret Mazzantini i nomi sono importanti e nonostante qui Jasmine Trinca abbia un personaggio che visivamente non è lontano da quello di Penelope Cruz in Non ti Muovere, i loro nomi tradiscono una diversità. Italia, era una straniera, Fortunata non è una a cui la vita ha detto bene. Madre sola (e vista la brutale violenza del marito nonchè padre di sua figlia è meglio così), parrucchiera a domicilio, aspira ad aprire un suo salone di bellezza con un amico bipolare tatuatore dotato di madre ex attrice in deriva senile.

Umanità di estrema periferia, popolarissima e sguaiata, violenta ma passionale nell'afosa e appiccicosa estate romana, che vive accanto all’acquedotto e cammina nella notte con carrelli all’indietro come in Mamma Roma. Rumorose e piene di problemi Fortunata e sua figlia finiscono da uno psichiatra infantile (Accorsi) che finirà ad analizzare oltre la bambina anche la madre con inevitabile ricaduta sentimentale che finirà di incasinare tutto, trascinando i personaggi verso il gran finalone melodrammatico e a tinte fortissime, tra pistole, pianti e avvocati.

Fortunata vuole avere lo sguardo sui personaggi di Pasolini, unito al senso del melodramma classico e dei suoi adorabili luoghi comuni dei film di Raffaello Matarazzo, in più non teme mai il ridicolo nel proporre una storia e degli svolgimenti oggi molto fuori tempo. La grande poesia negli occhi e nelle bocche di personaggi di borgata, le fughe d’amore idilliache al porto di Genova, i sorrisi lieti ed innamorati che preludono alla tragedia e un miserabilismo esasperato sono ciò che una volta reggeva i modelli di questo film ma oggi, almeno per come li porta Castellitto, sembrano inaccettabili.

Non è che sia scritto male Fortunata e del resto nemmeno è interpretato male (anzi!), è che sembra non rendersi conto che nel suo osare di fare qualcosa che nessuno oggi fa più, mostra perché non venga fatto. Perché una storia messa in scena con questa voglia di realismo ma così idealizzata in dialoghi, aspirazioni e volontà poetica è impossibile, non regge il patto finzionale, non suona autentica, non riesce a dire nulla se non le proprie voglie.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.