2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

14.5.18

Ash is The Purest White (Jiang hu er nv, 2018)
di Jia Zhangke

CONCORSO
FESTIVAL DI CANNES
 
Tra storia personale e storia del proprio paese, Jia Zhangke compie un’operazione tra Linklater e Truffaut ma tutta a posteriori. Ash Is the Purest White unisce due suoi film precedenti (entrambi come questo con protagonista Zhao Tao, sua moglie), creando una specie di universo condiviso, rimettendo a posto timeline e raccontando per l’appunto 18 anni di storia della Cina tramite quello che è diventato ora un unico personaggio, Qiao, 19enne in Unknown Pleasures, poi 25enne in Still Life e infine qui (nella parte finale) quasi 40enne.

Qiao, la prendiamo qualche anno dopo gli eventi di Unknown Pleasures, da cui c’è qualche immagine all’inizio in una qualità video diversa dal resto, sempre vestita allo stesso modo, innamorata dei costumi occidentali (YMCA è usata come Go West in Al Di Là Delle Montagne) e fissata con i gangster e il codice dell’onore e del rispetto. Ha il carattere che ha, duro e fiero, e una storia con Bin, i due gestiscono bische sempre lì a Datong, si atteggiano molto anche se lui non ha intenzioni serie. Ma il mondo sta per cambiare e l’arrivo di nuove gang porterà a conflitti che li faranno finire in galera, lei per più tempo di lui per avergli salvato la vita, e una volta usciti tutto sarà diverso, saranno separati e la Cina sarà letteralmente un altro posto. E qui sta già il primo colpo del film che nel mostrare i mutamenti dei personaggi vuole in realtà raccontare come 5 anni siano stati per la Cina un’era intera in cui chi era povero è diventato ricco e viceversa, in cui interi posti sono stati spazzati via e altri sono nati da zero, in cui chi fosse stato fuori dai giochi (ad esempio in prigione) poteva non ritrovare più nulla di ciò che conosceva all’uscita.

E qui il film si collega a Still Life. La protagonista di quel film, scopriamo, è sempre Qiao che uscita di prigione e vestita come in quel film, per l’appunto va in cerca di Bin lungo tutta la regione del Fengjie che di lì a poco sarebbe stata sommersa dall’acqua per la costruzione di una diga. Viene truffata e trufferà, dimostrando di essere stata piegata nel fisico ma di avere ancora una combattività che è maturata con lei, durissima e determinata frega tutti e trova Bin tra le gole e le società, tra centrali elettriche e amici (una volta poveri) che lo nascondo, nuove amanti e sotterfugi. Lo trova anche se sa che non si è fatto sentire, non l’ha aspettata, non l’ha cercata e si è rifatto una vita. Lo cerca perché vuole vederlo.
In questo mondo al limite e pronto alla distruzione (quello di Still Life) due relitti si confrontano con esiti imprevisti.

Infine, oggi (lungo tutto il film non sono mai indicati gli anni ma l’uso di diversi modelli di cellulari, da quelli a conchiglia passando per quelli più piccoli e poi i grandi tutti touchscreen capiamo quando siamo), la storia di Qiao e Bin, del cinema di Jia Zhangke e della Cina avrà la sua fine provvisoria, di nuovo in modi imprevedibili e di nuovo con un gusto commovente per il tramonto e la revisione dell’entusiasmo giovanile in impotenza e rassegnazione adulta, raccontata con sorprendenti note di commedia inusuali in Jia Zhangke.

Pensavamo che Vivere, di Zhang Yimou, raccontasse un’epopea cinese di rivoltamenti e tumulti irripetibile attraverso la rivoluzione comunista fino al presente, ma Ash Is The Purest White, senza quegli eventi clamorosi e attraverso meno anni, traccia la storia di una confusione nazionale tramite piccole vite e soprattutto con una partecipazione diretta del regista e dei suoi film senza precedenti. In più con la sua etica della fratellanza, il suo affetto sommesso e il suo mondo assurdo che non ferma una donna dallo spirito indomabile, dallo sguardo duro ma anche dal cuore ferito e dolcissimo, difficilmente il finale può non commuovere.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.