2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

22.2.08

I Diavoli (The Devils, 1971)
di Ken Russell

Il cinema delirante di Ken Russell non l'ho mai amato troppo ma non nego che stavolta mi sono piegato anche io. I Diavoli mette finalmente a frutto tutte quelle idee e quella visione personale di cinema che altrove (Tommy per dire) mi sembrava peregrina.
Il racconto, tratto da una novella di Aldous Huxley a sua volta tratta da fatti reali, della vita sessuale e politica di un prete di provincia durante l'era Richelieu diventa, filtrato attraverso le idee di Ken Russel, un racconto barocco ed esagerato che si nutre di estetica sia dal punto di vista della fotografia che da quello degli scenari (meravigliosi) e che non teme di inserire anacronismi ed elementi "alla moda" prettamente moderni.
E' insomma un modo di raccontare palesemente per metafora che però poi non disdegna di sporcarsi le mani con manciate di sangue e immagini fortissime (il crocefisso che taglia le mani della suora o la gobba scoperta nel sogno).

Certo per me è impossibile non pensare a Narciso Nero, che sebbene non abbia gli eccessi di I Diavoli, tratta comunque del tema della follia data dallo scatenarsi di istinti sessuali in un gruppo di suore, che è comunque inglese e che ha il medesimo gusto per l'uso del bianco come dominante espressiva nei conventi.
Rispetto però alla perfezione formale di Powell, Ken Russell aggiunge in metafore, in simbolismi e in delirio onirico (i sogni sono presenti anche in Narciso Nero e ben più originali delle deviazioni felliniane di Russel ma non servono allo stordimento passionale come in I Diavoli).
Infine secondo me è più espressionista l'uso dei colori di Powell che tutte le caricature di Russel messe insieme.

6 commenti:

Valido ha detto...

Mmmmiiiiiitico I Diavoli, ci sono affezionatissimo... dov'e' che si firma per farlo uscire in dvd?
Mi aspettavo anche un accenno alla storia di quel critico dell'Osservatore Romano (credo) che e' stato licenziato per averne parlato bene...


gparker ha detto...

Giusto è vero l'ho dimenticato.
Era Giovanni Raboni che lo recensì positivamente su Avvenire (che cuore!) e fu licenziato, ma anzi furono chieste le dimissioni di Rondi dal centro cattolico cinematografico perchè membro della commissione selezionatrice non l'aveva cassato.


Valido ha detto...

Per non parlare di Oliver Reed e Vanessa Redgrave che credo vennero addirittura scomunicati - o minacciati di tale provvedimento. Still, I want the dvd like NOW. Capisco in Italia, ma possibile che non sia uscito affatto da nessuna parte?


crash ha detto...

Cazzo, l'ho scaricato un sacco di tempo fà e non l'ho ancora visto, anzi me lo ero completamente dimenticato!!!!
Perfetto: stasera birre fino a mezzanotte, poi quando la nonna è andata a dormire me lo guardo.
Hihihihihi...


frankie666 ha detto...

che bello questo commento...


gparker ha detto...

In effetti è strano che tutto quel cinema inglese (parlo anche di Powell e Pressburger) tranne quando incrocia il rock (vedi Tommy) non sia stato ancora editato, almeno in Italia in DVD degni di questo nome.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.