2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

1.5.08

Risonanza globale di eventi locali

Sembra che le performance metropolitane (che si intersecano sempre di più con le flash mob) stiano acquistando senso e rilevanza e quindi si stiano moltiplicando da quando possono essere mostrate anche a chi non era presente, che un po' cozza con lo spirito della performance.
Se si deve agire sul territorio perchè poi finalizzare il tutto alla messa in mostra in rete?

Frozen Grand CentralAnnual No Pants in Metro 2008ImprovEverywhere

2 commenti:

Iro ha detto...

Scopro ora questo genere di performance metropolitane, ero a conoscenza solamente delle foto di nudo di massa di Spencer Tunick, ma quella è una forma d'arte quindi la pubblicizzazione si spiega da sé. In questo caso bisognerebbe sapere quale principio muove i realizzatori, per giustificarne o meno la presenza sulla rete. Delle tre la Frozen Grand Central è la più spettacolare, un'idea che mostrata su web può avere un suo significato, se non altro quello, a mio parere, di invogliare alla riproducibilità altrove e in altre situazioni. Quasi una sfida a fare altrettanto e di meglio.
Le altre due, alle quali si potrebbe applicare lo stesso discorso, mi sembrano però solo esibizioni fini a sé stesse con lo scopo di divertire un pubblico...sembrano organizzate apposta per la rete...che lo scopo giustifichi i mezzi?


gparker ha detto...

Secondo me lo scopo non giustifica mai i mezzi.
E comunque si tratta di performance virali nel senso che molte di queste proprio per l'esposizione mediatica vengono replicate in giro per il mondo, ci sono i filmati anche di una Frozen alla stazione TErmini.

Il punto è che tali cose sono performance che hanno un senso per i locali, cioè per chi le vive in quel momento perchè lì è l'effetto sorpresa e lì è il messaggio, cioè fare qualcosa di caotico ma ordinato che sconvolga l'usuale equilibrio della vita metropolitana, ma poi filmarlo e rivederlo sì ha un senso ma come lo ha avere un disco di un concerto. E' chiaro che il senso vero il concerto lo ha con la presenza fisica e non con il disco.


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.