2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

15.10.08

Centochiodi (2007)
di Ermanno Olmi

Centochiodi è veramente un bel film. Ma davvero. E lo dico con raro stupore nonostante ne abbia letto sempre bene e pure sulla connection gli siano stati dati bei voti anche da blogger che mai avrei detto.
Lo stesso avevo dei pregiudizi inumani per via del soggetto e del regista (nonostante la rivalutazione di opere come Il Posto) e invece sono stato davvero conquistato da questo film che come tutti hanno già detto fa qualcosa di correttamente sacrilego: non si accanisce sui libri ,che in sè non sono il male ovviamente, ma sulla cultura immobilistica libraria e religiosa (in questo senso è bellissima l'idea dei libri del prete inchiodati per terra con chiodi da crocefissione).

Ma ancora di più la cosa che a me davvero ha stupito di Centochiodi è come, ci sia anche un fenomenale discorso sotterraneo sul potere del fascino oltre al più evidente e forse anche tropo didascalico discorso di liberazione culturale e riappropriazione del mito cristologico innescata nella solita poetica di Olmi del ritorno alle campagne e della vita rurale come unica vera forma di civiltà.

La cosa più curiosa del film e cioè il suo protagonista, Raz Degan, è stato scelto con un'abilità e un'intelligenza rare. Bello, anzi bellissimo, sia per fattezze che per aura (professore di filosofia delle religioni esule e ribelle che torna alle origini), mostra con tutta la sua parabola la potenza incredibile del concetto di fascino.
Il fascino che lui esercita sulle donne è fondamentale, come anche quello che in quanto figura cristologica "che fa i miracoli col bancomat" (A. Crespi) esercita sui paesani (e il fatto che questa identificazione per i contadini sia principalmente dovuta alle fattezza è straorinariamente divertente) nonchè tutto il discorso della "bella del paese" sul suo vivere questa curiosa condizione.

E il fascino è davvero l'elemento più emblematico di questo splendido film dal ritmo rilassato e goduto che forse, come tutti hanno detto, sarebbe stato migliore non doppiato e quindi arricchito dai dialetti originali ma che lo stesso trova secondo me "altrove" il suo di fascino profondo.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.