14.5.09

America 1929 (Boxcar Bertha, 1972)
di Martin Scorsese

Share |

Prima ancora di Mean Streets ma dopo Who's That Knocking At My Door? e Woodstock c'è America 1929, esordio ufficiale nel cinema non autoprodotto di Scorsese. Esordio (anche questo) sotto l'ala di Roger Corman.

Il film però non è molto cormaniano, di quel tipo di cinema ha la libertà nel modo di trattare (e soprattutto mostrare) temi come la violenza e la sessualità, e non è nemmeno molto scorsesiano, sia nella storia che nello svolgimento.
La storia del viaggio attraverso l'America di Bertha è abbastanza banale, oscillante tra violenze e arretratezze culturali e condito da un'avversione per le forze dell'ordine declinata secondo canoni poco scorsesiani.

Tutto questo fino a pochi minuti dalla fine. Il finale infatti vira totalmente e si vede in pieno a mano del regista come se avesse fatto solo quello. E' una cosa che si nota nettamente, proprio da un momento all'altro. C'è una crocefissione, dei peccati lavati nel sangue, uno scoppio di violenza improvviso e un'armonia tra montaggio e movimenti di macchina che equivale ad una firma (mio dio che autore fondamentale!).
Solo quegli ultimi minuti valgono la visione. Davvero! Rapidi, innovativi, armonici e capaci di far collaborare verso il proprio fine tutti i diversi elementi della messa in scena. Un tripudio.

2 commenti:

Christian ha detto...

L'ho visto parecchi anni fa, lo ricordo molto vagamente ma mi sembrava che in effetti la mano del regista ci fosse già, seppure alle prime armi.
Mi sembra anche di aver letto da qualche parte (nell'autobiografia di Corman?) un aneddoto su questo film: che Corman fosse rimasto esterefatto quando aveva visto il materiale girato da Scorsese dopo i primi due-tre giorni di lavoro: soltanto scene di treni in movimento, lui che in due-tre giorni era abituato a finire già il film!

gparker ha detto...

è impressionante come tutto gli fosse chiaro da subito.
E' la stessa sensazione che mi ha dato Who's Knocking At My Door?, quell'uomo aveva già a 24 anni un'idea precisissima su come intendere movimenti di macchina e montaggio, un'idea totalmente inedita. Il resto del tempo che lo ha separato da Taxi Driver e da L'Ultima Tentazione di Cristo gli è servito solo per capire come inserirsi nei meccanismi hollywoodiani...