2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

18.7.09

L'Era Glaciale 3 (Ice Age 3, 2009)
di Carlos Saldahna

GIFFONI FILM FESTIVAL
ANTEPRIME
POSTATO SU

Si sentiva bisogno di un terzo episodio? Probabilmente no, ma la cassa continua a dire "Si" e a giudicare dagli incassi nei diversi paesi in cui è già uscito è stata un’ottima decisione. Ottima come quasi tutte le decisioni commerciali della Blu Sky, casa di produzione che con la serie L’Era Glaciale è arrivata a poter competere con i grandi. Almeno commercialmente.

Questo terzo episodio racconta di Manny e Ellie che aspettano la nascita della figlia, di Diego che sente di non avere più lo smalto di una volta e si chiede se forse questa vita familiare non gli faccia male e Sid che vuole anche lui mettere su famiglia. E proprio in un maldestro tentativo di fare questo il bradipo scopre tre uova di dinosauro che adotta scatenando le nuove avventure che porteranno tutta la banda nel sottosuolo dove c’è una sorta di mondo perduto, un Eden caldo e pieno di vegetazione e animali preistorici.
Nulla di nuovo, compresa la finta sorpresa di un nuovo elemento aggiunto alla compagnia: Buck (in originale doppiato da Simong Pegg). Ad onor del vero però Buck è la nota più positiva del film.

Rimasto troppo tempo da solo contro i dinosauri del mondo perduto è diventato completamente matto sebbene sia anche espertissimo dei pericoli locali. Lui è l’unico che li può guidare anche se sembra il meno affidabile. La sua ossessione principale è un gigantesco dinsauro bianco che gli ha cavato un occhio (difatti ora porta una benda) e a cui lui ha staccato un dente ricavandoci ora un coltello.
Buck porta un po’ di sana assurdità, non tanto con le gag slapstick e gli improvvisi cambi di fronte ma con la totale insensatezza e la mancanza di motivazioni del suo agire. Il riferimento mobydickiano è sufficientemente chiaro ma anche poco invasivo o fuori luogo. Effettivamente è reso bene il concetto alla base dell’opera (anzi del suo propagarsi postmoderno in altre opere) cioè l’ossessione e l’impossibilità di esistere senza la propria ossessione.

Certo non si sentiva davvero il bisogno di un terzo film di L’Era Glaciale e la presenza positiva di Buck è una magra consolazione a fronte di una desolazione totale del resto del film. Inutile dire che il “tema” della maternità è il solito pretesto che a non so più chi può sembrare un punto a favore della pellicola.
L’uso del 3D è invisibile, come si conviene in questo primo periodo, ma talmente invisibile che davvero non se ne sente nemmeno il beneficio. Vederlo in due dimensioni non fa alcuna differenza.

4 commenti:

Mariolone ha detto...

leggo questa tua critica e la prima cosa a cui penso è...ma hai cambiato modo di scrivere?
Nel senso che è scritta molto bene ma, non so bene come spiegarti, sembra la stessa che potrei leggere su Repubblica o sul corriere della sera...mi sembra diversa dalle altre...ti varà fatto male Giffoni?


gparker ha detto...

sarà tutto sto caldo....
comunque lo prenderò come un complimento.


Mariolone ha detto...

e difatti un certo, contorto, modo lo sarebbe.


gparker ha detto...

grazie


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.