2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

13.6.11

L.A. Noire

Sempre di California si parla.
Lo stato economicamente e culturalmente più pesante degli Stati Uniti sta diventando l’argomento preferito di Rockstar la quale, dopo averci ambientato non ufficialmente un GTA (San Andreas) e Red Dead Redemption, ora con L.A. Noire rende finalmente esplicito il legame a partire dal titolo e inserendo molti luoghi noti nella mappa.

Ma non solo il riferimento ad un luogo vero. Gran parte della fama guadagnata da L.A. Noire in questi mesi è dovuta al continuo accostamento che viene fatto con il cinema, suggerendo che il gioco è un nuovo standard nel processo di fusione delle due arti e che questo avviene nella cornice del genere noir, idea sbagliata e fuorviante.
Il tipo di racconto che il videogioco mette in piedi non somiglia affatto a quello per il grande schermo nè al cinema noir classico, semmai è simile ai migliori esempi per il piccolo schermo e ai romanzi neo-noir. La differenza è sottile ma sostanziale, perchè il cinema ha un linguaggio, la tv un altro e il videogioco che attinge al cinema non fa il lavoro di L.A. Noire.

I casi che affronta il giocatore sono brevi storie autoconclusive, tenute insieme da un filo rosso che si dipana lungo il gioco, come una serie televisiva. Certo di videogiochi narrativi se n’erano già visti ma la particolarità di L.A. Noire è di cercare una sintesi tra narrazione e gameplay.
I momenti di gioco sono infatti continuamente interrotti da sequenze narrative, a volte anche molto brevi, in un continuo avanti e indietro tra gioco e racconto che cerca di sfumare il confine tra i due (ma purtroppo questo rimane, e come), e inoltre la ripetitività delle inquadrature, della successione delle azioni compiute e del dipanarsi delle storie (indispensabile per non programmare un gioco per anni e anni) lotta contro l’idea di cinema, aumentando di caso in caso la sensazione di guardare un altro episodio di qualcosa già visto.

3 commenti:

vinzz ha detto...

mi e' capitato per lavoro di partecipare a conferenze sull'"interactive storytelling".

E sono giunto alla conclusione che "narrativa interattiva" e' sostanzialmente un ossimoro.
Non ci credevo prima, e ora che ho studiato, ci credo ancora meno.


gparker ha detto...

mi trovi daccordo al 110% narrazione interattiva non ha nessuno senso.
Ha senso semmai che un gioco che ti chiede di eseguire delle azioni contenga al suo interno una narrazione.


vinz ha detto...

e non sai quanti milioni di euro in progetti di ricerca europei smuove 'sta cazzata (diciamo pure truffa) dell'interactive storytelling...
;-) :(


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.