2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

12.6.12

Rock of ages (id., 2012)
di Adam Shankman

PUBBLICATO SU 
Fuori tempo massimo per il revival anni '80 (ormai siamo pronti ai '90) arriva al cinema dopo 6 anni il musical Rock of ages, che celebra, racconta e canta (nel vero senso della parola) l'hard rock anni '80. Nella cornice della più tipica trama da musical (non quella in cui un gruppo deve mettere in piedi uno spettacolo ma quella in cui una small town girl arriva in città e con il suo ragazzo cerca di sfondare nella musica). Come già aveva fatto Dreamgirls per la musica della Motown e Burlesque per non si sa cosa (ma non il burlesque!) ma con un riutilizzo di musiche non originali hard rock come i musical moderni.

Scritto da Justin Theroux e Allan Loeb (coppia che non promette nulla di buono) assieme al creatore del musical originale Chris D'Arienzo, Rock of Ages ha per fortuna la grazia di un po' di ironia e autoironia. C'è molto da prendere in giro in quel mondo ad un passo dal metal, con i piedi saldati nell'etica dell'autodistruzione e dell'esaltazione sessuale e Rock of ages non fa finta di no.
Tuttavia in un musical la sceneggiatura è il meno, mentre il più la fanno le performance, la musica e il più generale atteggiamento che lo spettacolo ha nei confronti del pubblico. Ed è qui che Rock of ages crolla.

Come protagonisti ci sono due cantanti (e va bene), un Paul Giamatti a fare il villain che dà credibilità a tutte le persone con cui interagisce (come sempre), Tom Cruise in un ruolo davvero ben tagliato per lui e la straordinaria Malin Akerman sempre troppo poco utilizzata, al pari di Alec Baldwin. Un manipolo di belle facce (eccezion fatta per Giamatti) prestate a quello che dovrebbe essere il mondo brutto, sporco e cattivo dell'hard rock, quello che per antonomasia non si cura della pulizia. Lo sporco della sfondo mitigato dal pulitissimo del proscenio.

Ancora più grave tutta la celebrazione del "vero rock" (come il film ripete con insistenza), cioè della musica nella sua espressione più onesta è professata attraverso l'espressione più disonesta della musica, ovvero la versione acquietata, smussata e svilita di ciò che nasce per essere aggressivo e perturbante. Rock of ages pretende di convincere il pubblico (e probabilmente lo farà) che il vero hard rock è quello di Jon Bon Jovi, è un film che prende in giro e si mette contro le boy band (un prodotto confezionato privo di sentimento) e poi come alternativa "autentica" propone canzoni arrangiate in stile Christina Aguilera. 
E' Glee senza l'onestà di Glee. E' la gleeizzazione (scusate la violenza del neologismo) di tutto il resto della musica, anche di quella che nasce con spirito e valori diametralmente opposti. Non a caso Shankman è un coreografo e ha diretto due episodi della suddetta serie.
E' il rock duro ammorbidito per tutti ma comuqnue trattato come fosse duro.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.