2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

31.1.13

The Impossible (id., 2013)
di Juan Antonio Bayona

PUBBLICATO SU 
E' impossibile negare un certo senso di straniamento da primo mondo guardando The Impossible, film in cui la tragedia dello Tsunami del 2004 è raccontata attraverso la piccola storia di una famiglia, separata dalle acque che cerca di ricongiungersi (oltre che sopravvivere) in ciò che segue il disastro. E' uno straniamento dovuto al fatto che la consueta piccola storia usata per raccontare la grande storia nella quale è ambientata riguarda una famiglia indistintamente caucasica (il paese di origine non è specificato appositamente) quando è noto che i tragici eventi che fanno da sfondo hanno riguardato più che altro i locali.
Ma l'equazione è: spettatori occidentali, protagonisti occidentali.

Così i biondissimi Ewan McGregor e Naomi Watts con i loro tre figli biondi incarnano la versione finzionale dei veri personaggi alla cui miracolosa storia il film si ispira (lo statuto di verità è molto ben sottolineato all'inizio), in un percorso di salvazione annunciato fin dall'inizio ma non privo di retorica melodrammatica. 
Juan Antonio Bayona infatti sceglie di mettere a frutto il suo background horror e trattare il disastro naturale e le sue conseguenze con gli stilemi del cinema di paura, aprendo il suo racconto con le urla su schermo nero e preannunciando il terribile futuro dei protagonisti con botti e suspense ingiustificata già quando in aereo si recano verso la vacanza che rischierà di ucciderli.

Eppure non è nel trattare con piglio horror la vera cronaca della tragedia indiana che The Impossible trova i suoi picchi, quanto nella manipolazione dei sentimenti, in quella pastella particolare che è il melodramma, fatta di regole semplici e scontate unite a lacrime obbligatorie sugli affetti familiari. Di certo non si tratta di materia per tutti gli stomaci, i più sensibili possono infastidirsi ad una dose così eccessiva e così forzata di zuccheri, tuttavia è indubbio che Bayona manovri nella maniera giusta la materia bassa e popolare che stimola le facili lacrime: senza mai indugiare nella ruffianeria e senza nascondere le sue vere intenzioni.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.