2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

6.2.13

Cirque du soleil: Mondi lontani 3D (Cirque du soleil: Worlds Away 3D, 2013)
di Andrew Adamson

PUBBLICATO SU 
E' stato scelto Andrew Adamson, autore di diversi capitoli delle saghe di Narnia e Shrek (molti dei quali in 3D), per portare al cinema la 35esima versione audiovisiva degli spettacoli del Cirque du soleil, la prima dal 1988 ad oggi ad essere girata in 3 dimensioni.
Mondi lontani contiene in sè coreografie e trovate da almeno sette tra gli spettacoli che la compagnia ha messo in scena negli ultimi anni a Las Vegas, tutte unite tra di loro da una trama che vede una ragazza, innamoratasi di un trapezista, inseguire questi in una specie di viaggio nei mondi del titolo. Ognuno di questi mondi è un tendone dentro il quale viene coinvolta nelle coreografie, fino all'ultimo nel quale lei e il trapezista saranno i protagonisti.

Come nei musical di una volta, le coreografie e le musiche disegnano un altrove, un mondo diverso nel quale lo spettatore è condotto attraverso lo sguardo di una protagonista, anch'essa viaggiatrice occasionale ed estranea a ciò che vede accadere. Questa volta però, con un salto interpretativo, il "mondo altro" dovrebbe essere anche quello del 3D, per la prima volta impiegato in un film del Cirque du soleil e in teoria molto utile a rendere la dimensione spaziale delle coreografie della compagnia.
Eppure, nonostante la consulenza di James Cameron, l'effetto tridimensionale è impalpabile. Non che non ci sia, ma i frequenti sfondi neri, la poca profondità del campo e la totale mancanza di una "pianificazione della prospettiva" nelle coreografie (che giustamente non sono fatte apposta) non rendono giustizia a quel che poteva essere un film in 3D sul Cirque du soleil.

La compagnia da sempre realizza complesse coreografie che poco hanno a che vedere con il circo (se non una certa estetica di riferimento) e più si collocano nella performing art, indagando maniere inedite e spettacolari attraverso le quali dei corpi occupano degli spazi (fenomenale quella con il cubo vuoto agitato dal trapezista). Tutto ciò è però assente dal film, che pur dilungandosi in alternanze tra piani ravvicinati e grandi totali non riesce a restituire quest'idea o a costruirne un'altra.
Se nessuno ha mai nemmeno lontanamente fantasticato che il risultato del film potesse essere meglio di una versione dal vivo, era lecito aspettarsi almeno un'idea cinematografica, un'aggiunta che parlasse anche del modo in cui i corpi occupano lo spazio scenico e vengono usati nelle immagini. E invece...

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.