2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

9.10.13

Emperor (id., 2012)
di Paul Webber

PUBBLICATO SU 
Hollywood ha una grandissima tradizione nello scrivere il passato, cioè nel pescare aneddoti, fatti o momenti dalla grande storia e metterci una lente d'ingrandimento sopra per raccontarne il dietro le quinte, portando così a tutti la propria visione della storia (che per ovvie ragioni tende poi a diventare facilmente quella dominante). Nel caso particolare Emperor racconta cosa sia successo alla fine della Seconda Guerra Mondiale quando l'esercito americano dovette lavorare per la ricostruzione del Giappone e per l'assegnazione di pene e colpe a generali dell'esercito e funzionari governativi. Chi attaccò Pearl Harbor? Che ruolo ebbe l'imperatore? E andava egli processato?

Con dovizia di ricostruzione di vere figure somiglianti, veri rapporti e false conversazioni assieme a false intenzioni, Emperor è una coproduzione nippoamericana, il cui fine è dunque prendere un episodio di buona collaborazione tra i due paesi in un momento difficile e renderlo ancor più intenso, commovente e pregno di valori internazionalmente condivisibili.
Come al solito ovviamente lo "scontro di culture" si risolve in quella americana che cerca di comprendere quella straniera ma poi finisce per imporgli i propri usi quand'è il momento di risolvere la situazione, cioè come al solito l'impressione che viene dal film è che la storia, i grandi movimenti e i grandi uomini agiscano all'americana e che quel tipo di approccio alle cose sia quello vincente. Il resto è degno di rispetto e a suo modo affascinante ma se vuoi un lavoro fatto bene...

Affidato a Paul Webber Emperor trabocca di pulizia formale, uniformi stirate, espressioni militari di Tommy Lee Jones (esiste un volto più marziale di quello di quest'attore oggi?) effetti speciali dozzinali (ma limitati al minimo indispensabile per la ricostruzione delle macerie) e un certo trionfalismo nazionalista (questo sia in ottica americana che nipponica) che si intuisce essere stata la base su cui è stato progettato tutto il film. E' la storia dei libri del liceo (o delle medie) e non certo quella dei libri d'università, quella dei vincitori che non tiene conto della complessità ma mira a dare una visione d'insieme per sineddoche, attraverso un piccolo episodio di un uomo solo che lotta contro una mentalità per fondere spirito americano ad esigenze nipponiche.
Tutto il lavoro del film, ovvero raccontare una trama con spunti anche sentimentali e intrecci di gerarchia (sempre di militari si parla del resto), è dunque finalizzato non verso la visione che uno o più autori hanno delle forze in campo e delle questioni poste, ma verso la visione che un paese decide di avere e tramandare nei riguardi della propria storia.

3 commenti:

Fabio ha detto...

OT Cellulite e Celluloide

Ti segnalo che da quando ho passato i miei feed da Google Reader (che ha chiuso) a Feedly non riesco più a ricevere le puntate nel lettore. Il feed di Cellulite e Celluloide risulta vuoto, non so perché.

Ho ovviato iscrivendomi alla pagina di facebook, ma sarebbe ottimo avere di nuovo i post qui sul blog relativi alle puntate.


Gabriele Niola ha detto...

Strano, sicuro che usi l'indirizzo giusto, controlla sulla pagina FB che sia l'indirizzo giusto, il feed dovrebbe vederlo senza problemi. A me Feedly non fa casino


Fabio ha detto...

Ho tolto il vecchio feed e ho aggiunto quello di feedburner. Adesso funziona. Grazie per le istruzioni!


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.