2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.10.13

Oltre i confini del male - Insidious 2 (Insidious 2, 2013)
di James Wan

PUBBLICATO SU 
Pochissimi oggi sono capaci di incutere terrore al cinema come James Wan. Il creatore di Saw (ha diretto il primo film) ha navigato in film meno riusciti fino a due anni fa quando è arrivato il primo Insidious, poi ha centrato il colpo con l'ancor più riuscito L'evocazione e ora torna a quella storia per un secondo film. Tutti questi tre lungometraggi hanno in comune il passaggio dal mondo dei morti a quello dei vivi, le presenze in casa e l'arrivo di specialisti per combatterle, ovvero il nucleo del classico Poltergeist. Non solo, James Wan è anche attaccato ad un armamentario della paura da anni '20, fatto di catene, lenzuoli, porte che scricchiolano e nebbia a livello delle caviglie, il fatto che riesca ad usarlo per generare autentico smarrimento nello spettatore è dunque ancor più degno di stima e ancor più indicatore della sua capacità di lavorare con le immagini.

La pecca di questo regista è però di essere molto carente dal lato della narrazione. Insidious 2 in particolare è ancora più sgangherato degli altri, pur riprendendo le fila del primo film esattamente dove quello si chiudeva e quindi costituendo di fatto un'unica lunga storia. Se il primo film della serie era abbastanza raffazzonato e L'evocazione conteneva come poteva le scene più ingenue e sciatte, questo crolla miseramente più si avvicina al finale. Quando non c'è la solida paura delle invenzioni agghiaccianti di Wan il film perde credibilità se non proprio sconfina nel ridicolo.

Le produzioni di Wan, eccezion fatta per L'evocazione, si caratterizzano per budget al limite del ridicolo (1,2 milioni per Saw, 1,5 milioni per Insidious, 5 milioni per questo), dunque location limitate e molti paletti che con le sue idee diventano subito punti di forza. Il ripetersi di maschere, oggetti, stanze e via dicendo crea una dimensione ristretta di persecuzione e terrore, anche senza usufruire dei consueti "botti", ma al netto di una sensazione inimitabile di spiacevole terrore, è anche evidente come a Wan non interessi usare la paura, ma solo scatenarla. I suoi film non mirano mai a sfruttare il sentimento suscitato in qualche direzione, per cambiare un punto vista o mettere in evidenza qualcosa. Come B movi mirano unicamente a mettere paura.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.