2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

19.3.14

Non buttiamoci giù (A long way down, 2014)
di Pascal Chaumeil

PUBBLICATO SU 
Davvero difficile immaginare un film meno riuscito rispetto ai propri intenti, davvero difficile immaginare un adattamento così pietoso della prosa di Nick Hornby.
L'intento di Non buttiamoci giù è quello di fare umorismo intorno al tema del suicidio, ambizione alta con risultati smielati e ruffiani. Lavorare di fino era complicatissimo, optare per la complessità forse pure ma le scuse stanno a zero, il risultato è quanto di peggio si possa immaginare. Non solo è un brutto film che ruota intorno a pessime situazioni, è anche la meno interessante sulle riflessioni intorno al suicidio, una che manca qualsiasi elemento centrale del tema per soffermarsi unicamente sul suo lato emotivo.

Si racconta di 4 aspiranti suicidi che si incontrano sul tetto di un palazzo, ognuno è lì con l'intento di buttarsi. Non lo faranno per pudore e anzi cominceranno a frequentarsi come un gruppo di bambini, stringendo surreali patti e andando in vacanza insieme. I 4 suicidi sono così depressi che nella loro vacanza a Tenerife ridono e scherzano in acqua, vanno a donne, si dichiarano sentimentalmente e ballano sulle note di I will survive.
Un piccolo screzio li allontana ma non appena qualcuno sta male subito gli altri accorrono in una serie sconclusionata di altri eventi che portano per fortuna alla fine del film. Non dimenticano mai la loro etichetta ("aspiranti suicidi") ma continuamente paiono non curarsi dell'atteggiamento che questa categoria imporrebbe.

Che cosa sia successo nello sceneggiare questo film è un mistero, come sia stato possibile pensare che 4 personaggi simili potessero stringere relazioni significative o anche solo plausibili anche solo per il breve lasso di tempo che dura un film, è incredibile. Non buttiamoci giù è uno degli esempi più significativi del peggior cinema all'europea, quello in cui l'unione di un regista francese (proveniente dal pur bello Il truffacuori) e una produzione britannica dà vita a cinema scaldacuore della peggior specie, quello che non ha interesse nella stimolazione delle sensazioni più profonde nella maniera più sottile ma che mira unicamente a riproporre le più epidermiche stimolazioni sensoriali, buone per un pubblico privo di stima in sè.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.