2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

28.3.14

Storia di una ladra di libri (The book thief, 2014)
di Brian Percival

PUBBLICATO SU 
L'eterno ritorno del cinema della shoah (un vero e proprio genere a sè) prende le forme di volta in volta della violenza o dell'intellettualismo, cioè della sopraffazione fisica o della lotta intellettuale per resistere alla dominazione. Storia di una ladra di libri (tratto dal libro del 2005 La bambina che salvava i libri) dimostra già dal titolo dove intende porsi.

Liesel è una profuga adottata da genitori tedeschi nella Germania nazista durante la seconda guerra mondiale, ha più di 10 anni ma non sa nè leggere nè scrivere (lo stesso però va a scuola), così i genitori adottivi cominciano ad introdurla ai libri a mano a mano che impara a leggere. Sarà però il rapporto intrattenuto con un ebreo che la famiglia decide di nascondere nel suo scantinato ad aprirla al vero senso della letteratura e delle parole mentre nel mondo fuori dalla cantina i libri vengono bruciati e cadono le bombe.

A melassa Brian Percival aggiunge melassa. Ad una povera analfabeta che si apre alla letteratura aggiunge la tenerezza dei furti (mai veramente tali perchè i libri sono restituiti) nella casa di ricchi con figlio deceduto, ai rapporti tra bambini aggiunge l'incombere della morte annunciata esplictamente fin dalla prima riga di sceneggiatura e su tutto lascia che aleggi lo spettro del male per eccellenza, che qui suona più pretestuoso che altrove. I nazisti di Storia di una ladra di libri sono infatti uno sfondo, interpretano un villain collettivamente in maniera non diversa da come lo fanno nei film di Indiana Jones. Non c'è una vera riflessione specifica sul nazismo, lo si usa come contesto ingrato e vessatorio che aumenta le disgrazie di Leslie.

Perchè alla fine questo è Storia di una ladra di libri, un film che fa appello al più sacro dei valori (la letteratura, l'espansione della propria conoscenza attraverso la cultura) mettendolo in facile contrapposizione con il più buio dei periodi storici (il nazismo vissuto in Germania vicino alla sua fine, quando sembravano quasi non esserci più regole). Sterile rappresentazione di tutto quello che di più condivisibile esiste senza la minima audacia di metterlo in questione o l'ardore di lasciarlo emergere in controluce: tutto è anzi sbattuto in faccia.
Storia di una ladra di libri è uno di quei film che sono oltre le categorie di bello e brutto, sono semplicemente ricattatori, pretendono l'adesione del pubblico al di là della loro riuscita, perchè si pongono artificiosamente dalla parte dei migliori

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.