2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

25.8.14

I mercenari 3 (Expendables 3, 2014)
di Patrick Hughes

PUBBLICATO SU 
"Stavolta ci sono tutti!" è l'effetto che ad ogni capitolo di I mercenari Sylvester Stallone (vera mente e forza propulsiva dietro il progetto) vuole ricreare, un accumulo di nomi che dia quanto più possibile l'idea di completezza (anche se forse il massimo in questo senso si è raggiunto nel secondo film), una volontà di saturazione come se l'azione cercata, quella in stile anni '80, fosse misurabile e la presenza dei volti simbolici ne accrescesse il quantitativo. Così non è e la serie di I mercenari lo dimostra, nascendo proprio per mettere in sala action vecchio stampo e non riuscendo mai a proiettare sullo schermo la versione moderna di quel che più piaceva del passato. La verità è che l'azione ben fatta esiste anche oggi, non necessariamente si rifà agli anni '80 e non somiglia a I mercenari, un'operazione nostalgia ha senso ma almeno dovrebbe essere un calco ben fatto.

In questo terzo film con un espediente di poco conto si creano due squadre parallele, una di giovani e una di più "maturi", così da affiancare ad attori che necessitano di molti stuntmen una serie di altri che possano fare davvero quel che si vede, riportando una delle caratteristiche fondamentali del genere: la prestazione dal vivo. È anche indubbio che la dedizione alla causa stavolta dia vita ad alcune sequenze dinamiche, furiose e in grande stile che prima mancavano o avevano meno forza ma l'impressione è sempre che sebbene non sia assente nessun elemento dalla lista: "Cose che devono esserci in un film d'azione d'altri tempi" lo stesso non si raggiunga quell'afflato mitico che rende il genere appassionante. Addirittura in più punti si cercare una modernità nettamente fuori luogo (riguardo l'esplicito ammiccamento gay tra due personaggi davvero improbabili è seriamente meglio far finta di niente, sembrano i nonni che cercano di fare i giovani).

Difficile non individuare il motivo di tutto ciò nella natura stessa dell'operazione. Se il primo film (nettamente il più riuscito) si concentrava molto sulla coppia Stallone/Statham, dando loro spazio sufficiente a mostrare un carattere duro e volitivo, una forza umana e un cuore indomabili (come l'etica del cinema di Stallone comanda), i seguenti due film saltano di palo in frasca, di personaggio in personaggio continuamente. Costretti a seguire ogni star assecondando le caratteristiche che storicamente hanno sempre avuto i loro personaggi si mescolano toni differenti, ognuno ripropone lo stereotipo di se stesso perdendo il senso stesso di I mercenari. Il teaser trailer del film vuole rievocare Quella sporca dozzina ma il risultato finale non è mai un film su un gruppo di disperati pronti a tutto, quanto su un gruppo di individualità, ognuna estrema e strana ma a modo suo, come si trattasse di un film ad episodi molto incrociati dove ogni filone ha un tono un po' diverso.
Sullo schermo inevitabilmente vediamo Arnold Schwarzenegger o Jason Statham oppure una comparsata all'improvviso di Harrison Ford e mai invece i personaggi che stanno interpretando. Cosa che è anche divertente ma solo per i primi minuti del primo film. Non ricorderemo mai nessun personaggio della serie I mercenari perchè non esistono, sono flebili simulacri degli attori.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.