2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

7.9.14

The golden era (Huangjin shidai, 2014)
di Ann Hui

FUORI CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA

PUBBLICATO SU 
Questo è un biopic come si deve.
La vita di Xiao Hong, pilastro della letteratura cinese del novecento morta a 31 anni (lo scopriamo fin dalla prima scena), ricostruita cronologicamente e con inserti di "racconto" da parte dei protagonisti. L'impianto della storia infatti mescola il canonico con lo sperimentale, un po' vediamo gli eventi un po' sentiamo le voci dei personaggi che, intervistati come fosse un documentario, guardano in macchina e raccontano quel che sanno e pensano agli spettatori ma con una dolcezza e un'abilità narrativa che impressionano. Come se avesse lasciato ad amici e conoscenti il compito di narrare quel pezzo di vita che hanno condiviso con la protagonista Ann Hui si avvicina alla versione più compiuta di una biografia melodrammatica.

In questo grande affrescone storico (molti luoghi, moltissima guerra, tante difficoltà da melò e una carrellata di nomi famosi della letteratura cinese) Ann Hui è bravissima a trovare le pieghe di umanità, riesce clamorosamente ad inserire diversi versi e passaggi dalla penna di Xiao Hong (mai fuori tono o retorici) e disegna un personaggio fantastico, una donna moderna in un tempo antico, un'intellettuale molto poco intellettuale ma molto audace.
Aiutata da una vita effettivamente clamorosa (una volta tanto) la regista mette in scena la passione e il calvario di uno dei più grandi talenti grezzi dell'arte. Anche chi non sa nulla su Xiao Hong intuisce una forza e una vitalità che poco hanno di accademico e molto di spontaneo.

Se nel grande affresco la regista si muove benissimo è chiaramente nelle minuzie che trova il suo terreno d'elezione. É nel rapporto con gli attori (tutti bravissimi, misurati e dotati di una lieve umanità, piena di pudore e sentimento) che si esalta il film, nella concezione di una visione romantica complicatissima, mai tarata sulle convenzioni dell'emotività ma anzi determinata a trasmettere una vita e una serie di passioni contraddittorie, difficili e non concilianti. Xiao Hong è insomma ben lungi dall'essere un'eroina romantica canonica, non ama con difficoltà nè ha emozioni chiare ma Ann Hui rende il coacervo interiore che motiva le sue azioni in maniera perfetta, alle volte con uno sguardo in camera o un gesto. 

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.