2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

5.1.15

Si accettano miracoli (2014)
di Alessandro Siani

PUBBLICATO SU 
Il successo di Il principe abusivo ha allargato lo spettro di Siani. Se nel primo film era molto concentrato sul napoletano e lo scontro che la parte più bassa e popolare di quella cultura produce contro il massimo dell'istituzionale, l'incursione burina in una favola classica fatta di principesse e castelli, in Si accettano miracoli ha altre ambizioni, perde il riferimento diretto alla favola classica a favore di un tono fiabesco più leggero che pervada tutto il film, tralascia le figure archetipe o gli svolgimenti già noti per cercare qualcosa di un filo più complesso ma così facendo manca totalmente il bersaglio.

La scelta di non avere un intreccio narrativo che coinvolga i personaggi si rivela alla lunga perdente, sminuisce la comicità di Siani e leva personalità ad ogni carattere. Dei tre fratelli protagonisti nessuno ha un'identità chiara e definita che ne agevoli la comicità. Non l'ha lo spietato tagliatore di teste convertito a buon paesano di Siani, non l'ha il prete di campagna di De Luigi e nemmeno la sorella con problemi matrimoniali di Serena Autieri (che era molto più decisiva come fruttarola burinissima con aspirazioni da ballerina nel precedente). Non potendosi affidare al carattere dei personaggi ogni battuta è più generica, più poggiata sullo slapstick (aumentano vertiginosamente cadute e botte in testa) o sui caratteristi di contorno.
C'è una parrocchia in crisi e una truffa perpetrata per generare un po' d'incasso che però il Vaticano vuole verificare. Se si esclude una storia d'amore narrata in fretta e sommariamente con una fioraia cieca (!!!) altro non succede in più di due ore, una prolissità non supportata da ritmo che uccide ogni voglia di proseguire la visione.

Si scopre così che lontano da una caratterizzazione forte anche Alessandro Siani perde in capacità di sostenere le scene, confinato in una generica bontà d'animo il suo Fulvio Canfora è facile a dimenticarsi, non diventa archetipo di nulla, non incarna nessuna tipologia umana riconoscibile nè, ma questo era chiaro, riesce a creare un personaggio inedito. Si accettano miracoli scena dopo scena crolla sotto i colpi di aspirazioni sovradimensionate e della volontà di mettere in scena un piccolo mondo più che dei personaggi o una storia (che prende il via decisamente troppo tardi).
La favola rimaneggiata con la commedia da comico televisivo era un'idea indubbiamente funzionale ha un rimescolamento delle solite carte, una trovata perfetta per separare Alessandro Siani dalla massa di altri comici che si trasferiscono nelle sale ma Si accettano miracoli non facendo scelte decise stiracchia troppo entrambi i paradigmi: mette in scena uno scenario solo parzialmente fiabesco e non riesce ad essere davvero il motore di gag trascinanti in nessun momento.

3 commenti:

Fabio ha detto...

Ho visto il trailer quando sono andato per Big Hero. Sbaglio o ha una fotografia clamorosa (forse un po' fuori luogo)?


Gabriele Niola ha detto...

a me è sembrata abbastanza ordinaria


Anonimo ha detto...

un disastro completo
alp


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.