2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

1.6.17

Ritratto di Famiglia Con Tempesta (Umi yori mo mada fukaku, 2017)
di Hirokazu Koreeda

Per arrivare alla tempesta del titolo e spiegare come mai quel che accade tra un padre e un figlio in quel momento, dentro uno scivolo mentre fuori infuriano gli elementi, sia un frammento di vita memorabile, dolce e tenero, Hirokazu Koreeda ha bisogno di costruirci attorno tutto un film che ci permetta di vedere quel momento come lo vede lui.
C’è infatti buona parte della sua vita vera in questa storia di due genitori separati e di un padre che cerca di stare quanto può con il figlio, si rovina con le scommesse e ha un lavoro che non lo mantiene a sufficienza. Povertà giapponese, senso di inadeguatezza ma poi anche dei momenti di fantastica comunione con un figlio e di speranzosa, impossibile riunione con la moglie.

Come negli ultimi film è ancora la famiglia il centro del racconto e, in molti modi diversi, il tempo. Little Sister raccontava un anno che sembrava una vita, qui invece ci sono dei momenti molto più brevi che sembrano troppo brevi, si ha l’impressione che il protagonista non stia mai quanto dovrebbe o vorrebbe con il figlio, si sente lo sfuggire del tempo tra le dita, il desiderio di fermare un istante.
Quello di Koreeda è un cinema difficilissimo, di rara mimesi con il naturale, dotato della capacità incredibile di forzare la mano apparentemente molto poco alle immagini e comunque lasciare che sintetizzino al massimo ciò che il racconto non dice a parole.

Di nuovo al lavoro con il grandissimo protagonista Hiroshi Abe, Ritratto di Famiglia con Tempesta è una ode malinconia che funziona come un ricordo addolcito, in cui anche le parti più drammatiche sono ammorbidite da un’atmosfera fatta di campi lunghi in esterno e medi in interno, tramite la quale Koreeda racconta un’estate. Quel periodo che il cinema ama usare per incastrare in una finestra temporale ben definita le storie d’amore giovanili, qua (come già nel fantastico L’Estate di Kikujiro di Kitano) incastra un adulto e un bambino, sempre nell’atto di reinnamorarsi l’uno nell’altro.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.