2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

23.4.18

Ghost Stories (id., 2018)
di Andy Nyman e Jeremy Dyson

C’è un problema fondamentale alla base di Ghost Stories, ovvero il fatto che tutto il suo attacco si fonda su una grande promessa: quel vedremo sarà in grado di far ricredere uno scettico sulla possibilità di presenze ultraterrene. Ed è una promessa fatta bene, creando la giusta tensione e incertezza riguardo l’argomento. Solo che poi non riesce ad essere all’altezza di quelle promesse.

Quando all’inizio vediamo come lavora il protagonista, un debunker che smentisce medium, parapsicologi e maghi di ogni sorta, e vediamo che, convocato dall’uomo che ha ispirato la sua carriera dandogli un esempio (il più grande indagatore di affari paranormali d’Inghilterra), viene sfidato ad indagare sui tre casi che hanno fatto cambiare idea addirittura anche a lui, siamo pronti all’incredibile, ad accompagnarlo in qualcosa di terribile e inedito.
Quel che vedremo sarà a tratti di grande tensione, spesso spaventoso ma mai davvero capace di mutare le idee di uno scettico. Un finale complicato, pieno di twist e con una risoluzione non propriamente soddisfacente non farà che peggiorare l’impressione iniziale.

Ghost Stories non fa mai mistero, fin dal titolo e dallo spunto, di essere episodico (è l’adattamento di uno spettacolo teatrale di grandissimo successo), di funzionare cioè su tre storie autonome che tuttavia hanno legami e mostreranno alla fine il loro filo comune. Nonostante questa precisazione, che il pubblico capisce fin dall’inizio, lo stesso l’impressione di assistere a qualcosa di eccessivamente frammentato, fine a se stesso e troppo simile al cortometraggio di paura più che al film vero e proprio, è fortissima. Ghost Stories non racconta realmente storie di fantasmi ma cerca di dare a loro un senso, senza davvero riuscirci.

E dire che poi l’armamentario imbastito da Jeremy Dyson e Andy Nyman (autori del film come dell’opera teatrale) è estremamente classico, fatto di rumori, buio e apparizioni, dunque sempre funzionante. Inoltre i due danno l’impressione di aver lavorato molto e bene sulla trasposizione, cercando sempre di usare le armi del cinema per fare quel che facevano in altri modi a teatro. Ad esempio nel film ricorrono molto spesso inquadrature metodicamente composte per lasciare lo sfondo sfocato ma al centro dell’inquadratura (con il soggetto a fuoco spostato quindi da una parte), dando sempre l’idea che da un momento all’altro qualcosa stia per accadere proprio lì dove non vediamo bene. Eppure davvero alla fine si fa fatica a non chiedersi che film si sia appena visto, quale fosse il suo argomento reale e per cosa dovrebbe essere ricordato.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.