2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

25.4.18

Loro 1 (2018)
di Paolo Sorrentino

Dopo qualche decina di minuti dall’inizio di Loro 1 si ha la netta sensazione che se fosse il primo episodio di una serie tv sarebbe, letteralmente, perfetto. Si ha la sensazione che quello che stiamo vedendo, cioè la voglia di un imprenditore pugliese di uscire dal suo piccolo mondo e ambire a Roma con gli stessi mezzi con cui si è fatto strada lì, cioè regalando cocaina alle donne più belle (lui è più radicale e le chiama “Le puttane migliori”) per farle andare con il potente di turno che gliene sarà poi grato, sia un mondo così vasto che per raccontarlo ci vorrebbe una serie tutta così, girata con quello stile. Per almeno metà di Loro 1 infatti non vedremo lo stile del Sorrentino recente, contemplatore di bellezze giovani, vecchie, papali o grandi ma uno che è la versione evoluta di quello di L’Uomo in Più, elettrico, eccitato da tutto, vogliosissimo di unire la musica e il ritmo, che usa zoom a schiaffo, monta in maniera audace e vuole imprimere un passo indemoniato ad un film per eccitare anche lo spettatore come i personaggi.

In questa maniera è raccontata tutta la piccola scalata di Sergio Morra, ovvero Riccardo Scamarcio in un ruolo che ai più può ricordare Tarantini ma che non ha il suo nome perché, evidentemente, le sue azioni non seguono gli atti dei processi (cioè le verità acclarate) e così del resto anche il personaggio di Kasia Smutniak, che a lui si assocerà di lì a poco, non si chiama Sabina Began benché la ricordi. Non sono loro, sono versioni romanzate di loro. E romanzate davvero bene! Stavolta dei suoi numi tutelari Sorrentino ha scelto Scorsese, fa tirare tutti di coca, fa piovere MDMA e spinge fortissimo uno Spring Breaker sardo a pochi passi dalla villa di Silvio Berlusconi, lungo, perenne e senza sosta, messo in piedi apposta al massimo volume perché LUI lo noti.

E LUI ovviamente lo nota. Nella seconda parte di Loro 1 abbandoniamo la scalata e finalmente entra in scena Toni Servillo con una maschera appropriata alla maniera in cui è reso Berlusconi: da cartone animato. Non farà cadute clamorose o movimenti impossibili (anzi è molto composto) ma il Berlusconi di Loro è una versione cartoonesca del reale, sembra Richie Rich, così comicamente ricco che l’impossibile diventa sempre possibile per lui palesandosi all’improvviso in maniere esilaranti, contornato da lussi senza senso. Sta nella sua villa, annoiatissimo e un po’ triste (ma il sorriso non manca), non riesce a credere di essere all’opposizione. È il 2006 (la coppia di film arriverà fino al 2010, avverte un cartello all’inizio) e costretto alla vacanza in villa cerca di riconquistare una Veronica Lario disamorata da come la sta trattando. Ma sono bagatelle in attesa che arrivi qualcosa. Quel qualcosa sarà il vero cuore del film, quella che Paolo Guzzanti definì "mignottocrazia", l'incrocio di sesso e politica in quello specifico periodo e con quei modi. I "loro" del titolo, lo dice Scamarcio, sono "quelli che contano". Il film dunque non racconta dell'ex capo dello stato ma la storia di come si sia arrivati alla punta massima di incrocio tra sesso e politica in Italia, tutto intorno a lui.

Assieme ad alcuni sorrentinismi di sorprendente miseria (il simbolismo terribile di un camion della nettezza urbana che fa un incidente e si riversa con tutto il suo carico sui fori di Roma è il punto più basso di un film che fino a quel momento è stato superbo) è questa la parte peggiore di Loro 1, quella un po’ meno concreta (del resto è solo una prima parte, non un film intero) e interlocutoria. Servillo si impegna molto nel nascondersi in questo moderato cartone animato di Berlusconi che tutto può ma che si sente in decadenza, con qualche infedeltà scoperta dalla moglie e il rumore di sottofondo della musica che viene dalla villa accanto o dalla barca accanto, sempre più forte, accompagnato dalla visione di donne mezze nude, un tam tam sempre più evidente che sappiamo a cosa porterà e che Sorrentino piazza come briciole di pane sul nostro sentiero. Il bunga bunga sta arrivando e nasce così, dal senso di sconfitta, dalla consapevolezza dell'età che avanza e dalla paura di non vincere più.

Certo Loro 1 corre tantissimo e dura un attimo ma davvero non è un film, è l’introduzione ad un film. La divisione in due capitoli non è funzionale e non funziona, somiglia più a quella in due puntate di una miniserie, manca tutto l’intreccio e la sua soluzione, manca l’essenza della storia e ci sono solo le presentazioni dei personaggi, dinamiche come in un film inglese degli anni ‘90 oppure sornione come in una commedia ben scritta. Quello che è chiaro semmai è il tono: il massimo della vita (il sesso, il denaro, la bellezza sconfinata di persone, luoghi e possibilità) si accompagna necessariamente allo squallore, alla piccineria, all’ignoranza e alla decadenza. Filo conduttore di tantissimo cinema di Sorrentino e qui (coerentemente) applicato ad un contesto indubbiamente appropriato.
È insomma molto bello Loro 1, ma è solo un inizio. Anche tutto quello che di stimolante si può intuire è più in potenza che in atto.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.