2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

2.9.08

I videogiochi sono una forma d'arte? Ovviamente si

Perchè sono una forma d'espressione umana. Basterebbe fermarsi qui. Ma giustamente esiste un dibattito da molto tempo intorno alla questione se i videogiochi possano essere considerati una forma d’arte.
Un dibattito che si svolge a due livelli: un primo più sofisticato e documentato che viene veicolato attraverso libri e pubblicazioni accademiche (per un buon riassunto sullo stato delle cose consiglio i libri di Matteo Bittanti) e un secondo più istintivo e passionale che avviene sui giornali e presso l’opinione pubblica (vedi i blog).

Ovviamente però l'opinione pubblica non li percepisce come tali come dimostra il caso delle polemiche intorno a Invaders!, il videogioco che modifica Space Invaders per adattarlo alla storia dell'undici settembre.

12 commenti:

Giangidoe ha detto...

Bell'articolo!
Sull'argomento dignità mediatica e culturale dei videogame, spero di non fare cosa sgradita segnalando altri due contributi interessanti (di qualche tempo fa) apparsi sul blog di Roberto Recchioni:
1)
http://prontoallaresa.blogspot.com/2008/06/anatomie-comparate-nel-paese-dei-ciechi.html

e 2 (che parla tra l'altro di Uwe Boll)
http://prontoallaresa.blogspot.com/2008/04/anatomie-comparatele-scuse-son-come-le.html


Compatto ha detto...

Non capisco tutto questo accanimento(in generale)contro Uwe Boll, da sempre ci sono registi che fanno film orribili, lui è solo uno dei tanti. Che poi non sono manco tanto brutti, mi sono visto Alone in the Dark è c'è molto di peggio.


Fabio ha detto...

A parte gli esperimenti più o meno stravaganti che per me lasciano il tempo che trovano (bisogna parlare di videogioco commerciale, queste installazioni stanno ai videogiochi come l'arte visuale sta al cinema) io la mia opinione l'avevo espressa un po' di tempo fa sempre nei commenti.
C'è chi usa il videogioco come contenitore di arte tradizionale - e allora possiamo vedere sapiente regia, grande musica, storia appassionante et cetera - e c'è chi usa il videogioco per le sue peculiarità.
Se riesci a fare del gameplay un mezzo espressivo allora puoi fare arte con il videogame, diversamente lo puoi solo infarcire di contributi artistici. E il gameplay è un mezzo con una sua peculiarità, con cui si possono perseguire effetti nuovi, non accessibili dalla semplice narrazione.


frankie666 ha detto...

concordo con fabio.


gparker ha detto...

(attenzione record di concordia)

giangidoe: daccordissimo con quanto linki, sia per quanto riguarda il primo post (lo scrissi anche io su un post su mario galaxy) che per il secondo (scrissi le stesse cose di Crank nella recensione).
E' il gameplay e non le cut scenes a fare li gioco, ma non il gameplay inteso come giocabilità (o meglio non solo, quello conta) il gameplay inteso come mezzo espressivo.

compatto: concordo, ho visto tante cose molto peggiori

fabioo: concordo al 100%, questo di Invaders è un esperimento sui generis che dà solo il la ad una discussione ma per quanto mi riguarda il cardine di un simile discorso dovrebbe essere mario galaxy come prodotto estremo di espressività del gameplay. quasi non ci sono cut scenes e ad un certo punto (GIURO!) mi sono ritrovato a pensare quasi commosso mentre giocavo "Certo quanti amicizie vere e autentiche che ha Mario. Gli vogliono veramente bene..."

Frankie: concordo con la tua concordia


Dan ha detto...

il cardine di un simile discorso dovrebbe essere mario galaxy come prodotto estremo di espressività del gameplay.
Verità assoluta.


dario ha detto...

Ad esempio il gameplay dei giochi di Ueda (ICO e Shadow of the colossus) ha un tasso di poesia altissimo, secondo me, tutto giocato sull'ambiente e il rapporto che instauri coi personaggi proprio attraverso il modo di cooperarci (la bambina che proteggi in Ico, il cavallo in SotC).


gparker ha detto...

se avessi giocato a questi giochi sarei daccordo!
No scherzo, è che mi riprometto da tantissimo di giocarci proprio per questi motivi, me l'hanno detto in molti.
Ma ci sono vicino stavolta


dario ha detto...

No, dai, hai sfiorato il 100% di concordia. Io sempre qua a rompere le uova nel paniere. Comunque muoviti a giocarli, prima che la grafica invecchi troppo: ok il gameplay, ma vuoi perderti gli "oooh" di stupore di fronte ai paesaggi?


Fabio ha detto...

Stavolta Ueda non l'ho tirato fuori io.


gparker ha detto...

ma nessuno mi garantisce che siate in combutta!


frankie666 ha detto...

direi che questo è il post più in armonia della storia del blog...


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.