2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

5.1.10

Top Score Del Mese: Seven Swords
a cura di Compatto

Nel 2005 uscì un film dal titolo Seven Swords, chiesi a gparker se il film meritasse la mia attenzione e lui mi disse di no.

Due anni dopo…

Comprai alla cieca il dvd del film che risultò non essere brutto, anche un po’ perché dopo aver speso 40 euri un film te lo fai piacere a calci nel deretano.

A me i film d’azione sono sempre piaciuti, questo non lo nascondo, se non vedo almeno un esplosione a film non sono contento e mi sento come un vuoto dentro... Ora c’è da dire che mi sono rivisto il film recentemente e, smaltita l’incazzatura dei 40 euri, non è proprio un gran bel film, sarà la durata eccessiva (150 minuti), sarà il fatto che secondo me Tsui Hark i film li fa male, non so mi sanno di confusi, pure i suoi precedenti lavori come Double Team e Hong Kong Colpo su Colpo avevano lo stesso problema con sti personaggi che vanno e vengono senza motivo.

C’è da dire che Seven Swords è fatto meglio, ma ci sono sempre delle grosse lacune, il film narra le vicende de ste 7 spade (che manco ho capito da dove vengono e ognuna ha una sua caratteristica) che ovviamente hanno 7 proprietari che capitanati da un vecchio decidono di spodestare una specie di usurpatore del trono sanguinario e pelato.

Mo sarà il fatto che sti cinesi, giapponesi o coreani si assomigliano quasi tutti, io avevo difficoltà a distinguerli, quindi mi ritrovavo a pensare: “Ma quella spada che rotea non ce l’aveva prima quello moro ma coi capelli corti? Perché mo cell’ha quello moro ma coi capelli meno corti?” Per poi rendermi corto che alla fine era sempre lo stesso, tranne un capellone e un pelato gli altri se assomigliano tutti, facevo fatica a distinguere pure le donne.

Poi ce stanno pure sti combattimenti asiatici dove la gente sembra che vola che a me danno proprio fastidio, tutte ste piroette inutili.

Meno male che ci sta un ottimo score di Kenji Kawai che a molti è noto come l’Hans Zimmer d’oriente, perché anche lui ha molte difficoltà a separarsi dal suo sintetizzatore, so problemi.
Kawai costruisce delle melodie veloci per quanto riguarda l’azione, la prima volta che sentii questa velocità mi impressionai, ma ero ancora un pivello, velocità dovuta anche ad un ottimo uso delle percussioni elettroniche. Le melodie drammatiche invece sono un po’ simili allo stile Remote Control il che non è un male, anzi.

C’è da dire che l’album non inizia proprio bene, anzi le prime 5 tracce non valgono molto, ma dalla 6 in poi sono tutte valide, se solo avessi comprato il CD invece del DVD...ancora me rode.

IL DOWNLOAD

9 commenti:

frankie666 ha detto...

vabbe ma sei un genio...

la recensione dello score dura 4 RIGHE! Per il resto mi fai una recensione a sfondo razzista del film!

Questo sono perle..


Fabio ha detto...

Mo sarà il fatto che sti cinesi, giapponesi o coreani si assomigliano quasi tutti

Che è anche il motivo per cui la prima volta della foresta dei pugnali volanti non ci ho capito un tubo.


Mariolone ha detto...

Io non posso credere che hai speso 40 euro per questa cazzata


frankie666 ha detto...

parker protesto formalmente:

Dai spazio al compatto su questo blog, ma lui non risponde mai ai suoi lettori. Qui non ci si cura di noi!

O commenta o ci saranno ritorsioni!


Mariolone ha detto...

si infatti...oltretutto è mooolto indietro con le pubblicazioni della storia a puntate...'ci sua!


Compatto ha detto...

E' vero, vi trascuro. Mi dispiace, il capitolo 6 del mio best-serller è in lavorazione, non è facile partorire cazzate in continuazione.

Per quanto riguarda la recensione è vero ho fatto due righe di recensione sullo score perchè sono convinto che a voi interessi poco come è fatto uno score, allora preferisco parlare male del film.

Non sono razzista (anche se odio Balotelli e se lo fanno giocare in nazionale mi metto a tifare Irlanda) ma sti cinesi/coreani/giapponesi so tutti uguali per davvero.

Infine sì, ho buttato 40 euro, la prossima volta li spendo sulla Salaria con delle signorine.

Ma per dio non dite che non vi coccolo sennò la rubrica Top Score non ci sarebbe.


frankie666 ha detto...

ci trascuri abbestia!

E Balotelli e un grande!


Mariolone ha detto...

Quando andrai sulla Salaria mi raccomando verifica BENE che la signorina in questione in realtà non si chiami Dunga ( colui con la mazza lunga)


gparker ha detto...

grande risposta del compatto


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.