2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

3.9.12

To the wonder (id., 2012)
di Terrence Malick

CONCORSO
MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2012
PUBBLICATO SU 

La grazia e brutalità, i due istinti fondamentali intorno ai quali Tree of life faceva scorrere la genesi del pianeta, della vita stessa e in particolare anche le esistenze della famiglia protagonista, sono  la dialettica che anima il rapporto della coppia di To the wonder. La ricerca di sentimenti da vivere e di un profondo, è contrapposta alla brutalità della gelosia, del tradimento e del modo di gestire i rapporti. La materialità che contrasta con la spiritualità ovviamente, l'assoluto con il contingente. In mezzo c'è tutto il pianeta, non solo gli uomini, come sempre in Malick.

Grazie ad una fotografia ricalcata sul modello originale da Lubetzki To the wonder rassomiglia molto a Tree of life e voce vuole che molto del materiale appartenga allo "scartato" del secondo. Si tratta ovviamente di scartato eccezionale (e altro ce n'è, visto che Michael Sheen e Rachel Weisz non sono presenti), perchè come al solito Malick mostra gli elementi del pianeta con la medesima centralità e concentrazione con la quale mostra gli esseri umani. Un filo d'erba come una persona, un raggio di luce sull'acqua come un'espressione facciale, la marea che lentamente conquista ogni avvallamento del terreno sabbioso come un balletto.
Il racconto procede come sempre con dialoghi o fuori campo o in controcampo, raramente Malick inquadra chi parla, il suo sguardo sembra arrivare poco prima o poco dopo quel che si sente in un continuo ipotetico fuori sincrono, allo stesso modo in cui spesso, nel mostrare una scena, la macchina da presa si lascia incuriosire più dagli elementi naturali che dagli attori.

In più il passo lento malickiano stavoltasi arricchisce di una pluralità di lingue al centro della quale c'è più il francese che l'inglese, dialoga con il sacro attraverso il prete di Javier Bardem, che nella sua ansia per il silenzio e l'assenza di Dio dalle questioni materiali sembra replicare la dialettica grazia/brutalità della coppia.
Il risultato è un film delicatissimo, un dramma romantico di inarrivabile tenerezza, nel quale si ritrovano i giardini razionalizzati del finale di Brand New World e i campi di grano al tramonto di I giorni del cielo e in cui la ripetizione e l'ossessione naturalista invece che volare altissimo cercano di scendere incontro alle vicende delle persone, questo lo rende meno clamoroso, audace e totalizzante di Tree of life, ma in un certo qual senso appare come un'indispensabile seguito che lo completa (se mai ce ne fosse stato bisogno).

4 commenti:

frankie666 ha detto...

Al Mere non e mica piaciuto....


Gabriele Niola ha detto...

lo so. Non è una cosa devastante, ma secondo me l'idea di Tree of life applicato ad altro vince


Esponja88 ha detto...

Non è piaciuto a nessuno!


Gabriele Niola ha detto...

a 1 si. a me


Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.