2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

24.11.14

I pinguini di Madagascar (Penguins of Madagascar, 2014)
di Simon J. Smith e Eric Darnell

PUBBLICATO SU 
È stata pigra la Dreamworks o l'idea di uno spin-off sui pinguini di Madagascar era perdente in partenza? 
Qui si propende per la prima ipotesi (perchè nessun film è perdente in sè, solo le opere finite lo sono) visto quanto questo primo film dedicato alla truppa di animali di inesorabile precisione e comica gerarchia sia lontano dal cinema e vicino al Disney Channel, cosa che in sè non è male, solo non per più di un'ora e mezza e non sul grande schermo.
La storia racconta brevemente le origini dei 4 e stabilisce il conflitto che porterà avanti la trama, ovvero uno dei 4 pinguini ("Soldato") è il nuovo arrivato, viene eccessivamente protetto e non si sente mai veramente utile come gli altri, specie di fronte al timoniere Skipper. A loro si contrappone un villain che più televisivo non si poteva e gli si affiancano i vendicatori dell'Antartico, Vento Del Nord, che dal nome sembrano un partito di estrema destra finlandese.

E dire che lo svolgimento della storia, almeno nelle premesse, sembrava efficace! Come in Toy Story 2 anche I pinguini di Madagascar (quando si dice "essere didascalici") è un film in corsa, che sfrutta la caratteristica principale del quartetto, cioè la velocità e la sicurezza nel risolvere in maniere paradossali le situazioni. I pinguini sono comici perchè vincenti in situazioni in cui chiunque sarebbe perdente, non temono nulla, mettono a punto piani senza senso che tuttavia con la loro fiducia in se stessi non falliscono mai, mentre per molte figure comiche il fallimento è la parte divertente, com si fanno male o come sbagliano cose semplici, per i pinguini è il trionfo paradossale a divertire. Il continuo spostarsi e il gran ritmo del film aiutano questa messa in scena e, fatta eccezione per dei momenti tirati troppo per le lunghe (l'estenuante finale e la corsa a Venezia), sono anche divertenti.
È tutto il resto a crollare, ovvero la scelta di non avere una narrazione ampia ma troppo chiusa in sè, mai capace di creare un immaginario e sempre a ricasco di uno esistente, quindi televisiva.

Se Madagascar, a tratti almeno, cercava di essere qualcosa di più e nel suo terzo e demenziale episodio recuperava una genuina demenzialità che lo rendeva quasi un anarchico film di Mel Brooks o dei Marx (non così geniale però!) adattato ai tempi moderni, privo di una trama vera e propria ma capace di inventare immagini e gag visive di primo livello, I pinguini di Madagascar ha un immaginario che pare assemblato con gli scarti della fantasia dei creativi Dreamworks.
La pigrizia con la quale è concepito ogni momento, l'incapacità di avere un segno personale sono disarmanti e se non stupiscono da Simon J. Smith (anche il suo Bee Movie, per quanto più divertente, aveva questo difetto) è strano che venga da Eric Darnell che invece aveva realizzato i film di Madagascar.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.