2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

24.5.15

Mountains may depart (Shan He Gu Ren, 2015)
di Jia Zhang-ke

FESTIVAL DI CANNES
CONCORSO

PUBBLICATO SU  
"Go weeeest!! Life is peaceful there" si apre con l'invito in stile costruttivista sovietico dei Pet shop boys Mountains may depart il film in cui Jia Zhang-ke affronta gli ultimi 20 anni di evoluzione del costume cinese e poi, più avventatamente, i prossimi 10. Un triangolo amoroso e un bambino, al centro c'è sua moglie Zhao Tao che interpreta una ragazza, poi donna, poi signora sentimentalmente legata ad un uomo dalla mentalità occidentale, pronto a cambiarsi nome in Peter e a chiamare il primo genito "Dollar", ma anche innamorata di un altro più popolano, minatore e verace cinese vecchio stampo. Tra lei, i suoi amori, la vita del figlio e l'incombente mutamento della Cina cantonese e degli equilibri mondiali si gioca un film che lavora sulla forma del racconto popolare.

Jia Zhang-ke non si nega toni da melò come le soluzioni della grande narrativa popolare, il ritmo dell'epica di una nazione per raccontare la memoria di una famiglia spezzata e il rimpianto di un'altra Cina, il ricordo, il cambiamento e le diverse maniere di venirci a patti. Le ambizioni sono alte ma la sofisticazione bassa. Mountains may depart parla un linguaggio molto elementare, sfronda lo stile di Jia Zhang-ke per adattarlo ad una forma meno autoriale, senza compensare con il racconto. Nella storia ci sono alcune corrispondenze terra terra (il figlio della nuova Cina a letto con la custode della tradizione, l'osservatore dotato di lancia tradizionale che compare in ogni epoca, il denaro che non esiste della finanza contrapposto alla materialità del carbone), tutte indirizzate verso il confronto tra vecchio e nuovo nel quale come sempre vince la tradizione.
L'ovest inteso come mondo occidentale è un finto eldorado da canzoncina, le promesse da realizzarsi in Australia (che paradossalmente sta ad Est dalla Cina ma aderisce al blocco occidentale del mondo) e le ricchezze che vengono dalla finanza, lasciano l'amaro in bocca, per Mountains may depart tutto quel che conta davvero si perde nel ricordo.

Per raccontare tutto ciò Jia Zhang-ke sceglie formati diversi (Xavier Dolan già fa scuola), scandisce le ere con una certa meccanicità e sembra non proprio a suo agio in una dimensione più narrativa di cinema. Lontano dalla rarefazione a cui è più abituato, lontano da uno stile di racconto in cui i fatti contano meno dei personaggi e dell'atmosfera e invece vicino ad un genere (quello popolare/melodrammatico) in cui l'intreccio e l'azione sono fondamentali, si avverte una certa fatica, non tutto è davvero fluido e specie nella lunga ultima parte il film perde di mordente in maniera non tollerabile.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.