2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

29.6.15

Going clear: Scientology e la prigione della fede (Going clear: Scientology and the prison of belief, 2015)
di Alex Gibney

Non ci sono dubbi sul fatto che Alex Gibney abbia realizzato l'opera più completa ed interessante sul tema dello smascheramento della chiesa di Scientology, i cui meccanismi e i cui sistemi sono a dir poco "opachi". Non solo ricostruisce molto bene la genesi di come il culto sia nato e abbia ottenuto lo statuto di religione dall'agenzia delle entrate statunitense, ma riesce a mostrare anche del materiale di repertorio mai visto prima e stupefacente (convention, video didattici e materiale interno alla chiesa).
Grazie alle interviste realizzate a molti degli esuli della chiesa, una volta occupanti posizioni di prestigio e potere (tra cui figura anche Paul Haggis), Gibney organizza e mette in scena informazioni dettagliate e chiarissime con le capacità narrative che gli competono.

Il suo obiettivo non è solo esporre la verità a tutti i livelli (come funzioni ma anche perchè funzioni così bene), più in alto quel che il documentario vorrebbe ambire a dire è però qualcosa di significativo sul bisogno di credere, ed è qui che fallisce. Going clear, desidera essere così chiaro ed efficace, così empatico e shockante che si appoggia addirittura a scene girate appositamente per fare da contrappunto ai racconti, per mettere in scena dei dettagli di ciò che viene raccontato. L'effetto non solo è molto kitsch ma anche abbastanza degradante. Mettere in scena qualcosa, anche se parzialmente e solo per dettagli che illustrino le parole è in sè un punto di vista, non è un'operazione neutra, rinforza una lettura drammatica dei fatti. Si dirà che anche un documentario senza immagini di finzione non è un'operazione neutra, ed è vero, ma l'arma della ricostruzione appare ben più che superflua in questo caso, un calco puerile di qualcosa già presente nelle interviste.

Anche l'idea stessa del credo come una prigione, la grande metafora di questo culto che affascina, promette successo, si appropria dei meriti di questo quando arriva e poi una volta conquistato il fedele lo ingabbia in una serie di regole e costrizioni utili alla propagazione di se stesso, appare come un accenno. Scientology dovrebbe essere la versione pompata ed estrema dei medesimi meccanismi che regnano in ogni religione (la confessione dei peccati, la messa la bando degli estranei alla chiesa, la promessa di "stare meglio") e invece rimane un unicum. La parte del leone la fanno infatti le informazioni. Tali e tante da impressionare. Interviste a L. Ron Hubbard mai viste prima, scene da regime da totalitario in cui la religione santifica se stessa, propaganda e anche video girati dagli stessi membri della chiesa mentre sorvegliano e intimidiscono gli ex adepti.
L'unico limite di Going clear allora è quello di rinforzare tutto quello che già crediamo, di fornire una base concreta a quel che si è spesso detto, senza avere la forza di costruire qualcosa su tutto ciò, senza avere l'acume di utilizzare tutto questo materiale straordinario per andare più in là della mera esposizione di informazioni.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.