2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

4.8.16

Il Drago Invisibile (Pete's dragon, 2016)
di David Lowery

C’è un sapore di Disney anni ‘70, di cinema casalingo e di tradizione in Il Drago Invisibile, remake solo superficialmente infedele del film del 1977, ma in realtà vicinissimo alle sue atmosfere, fieramente vecchio stampo, conservatore e capace di ripudiare con ogni sua scena la complessità moderna che il cinema per ragazzi o per bambini ha deciso di seguire (non sempre con successo). La Disney, che da un lato confeziona animazione adulta mascherata da gioisità infantile, che tratta temi pesantissimi con coniglietti pelosi, poteri magici e principi e principesse, dall’altra sceglie anche di riavviare se stessa con un film che fa quel che oggi è la cosa più normale (mescolare reale e animato), imitando il tono e lo stile di quando simili mescolanze erano pionieristiche.

Il drago (invisibile) aggiornato alla grafica digitale ha le furbizie del character design moderno, come i diversi segni sul corpo (cicatrici, un dente rotto, sfregi...) mai spiegati e messi là per dare profondità e far intuire una vita dura senza raccontarla. Versione in grande di un animale domestico Elliot stavolta oscilla tra suggestioni da Fumito Ueda e il grande grifone che The Last Guardian promette da quasi 6 anni (c'è anche un'arrampicata in stile Shadow of the colossus) e, più concretamente, Sdentato di Dragon Trainer, ovvero un animaletto dotato sia delle caratteristiche del cane che del gatto: fedele e pieno d’espressioni come il primo, altezzoso e nobile come il secondo. Metaforone nemmeno troppo velato dei rapporti che si instaurano tra bambini ed animali domestici, indirizzato a vele spiegate verso la grande tenerezza finale, tra pelo digitale, abbracci con zampone, salvataggi rocamboleschi e il più immortale dei riti di passaggio che segnano l’abbandono dell’età infantile (quella degli amici immaginari e dei draghi invisibili) verso l’età adulta e vita civile.
Il nuovo Il Drago Invisibile infatti è una storia di civilizzazione di un bambino cresciuto nei boschi, solo con il suo drago (che appunto cavalca come si vede in Dragon Trainer) che, venuto a contatto con l’idea di famiglia e la vita tra gli uomini, capisce quale sia il suo posto. Un’idea di fondo opposta a quella che la stessa Disney ha messo in scena solo pochi mesi fa con un altro remake tra reale e digitale: Il Libro Della Giungla.

Con molta fretta di finire (e questo è buono) e poca voglia di stare ad ingarbugliare qualcosa che, è evidente, deve essere in realtà molto semplice, Il Drago Invisibile sembra un tv movie a budget esagerato (non aiuta di certo il doppiaggio italiano di pessima qualità), tarato su standard industriali di non originalità e ripetizione dell’arcinoto. In questo senso appaiono però perfettamente funzionali i casting di attori come Robert Redford (il vecchio nonno saggio che una vide il drago), Bryce Dallas Howard (abbondantissima ranger sorridente e mamma allo stato puro) e Karl Urban (spietato cacciatore assetato di draghi invisibili). Nessuna sorpresa, ognuno sa bene cosa fare come nel grande cinema dello studio system che, probabilmente non a caso, aveva questa stessa fiera fiducia nell'esigenza della grande commozione finale nei film per famiglie, nella ricerca dello struggimento confinato al solo finale.
Impossibile dunque cercare anche qui quell’alito di grande rinnovamento che evidentemente si deve respirare nei corridoi del dipartimento di animazione della casa di Topolino, l’unica aria che si può sentire in questo film è quella delle serate in famiglia passate a guardare la televisione.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.