2017/2018

2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

31.8.17

Easy - Un Viaggio Facile Facile (2017)
di Andrea Magnani

In una landa in cui la bontà, la tolleranza, il buon senso e i cari vecchi antichi valori fioriscono come margheritine in un prato Easy, come Django, viaggia con una bara. Questa landa è l’Est Europa e Easy, ragazzo con problemi di relazione in seguito ad un trauma, è stato ingannato dal fratello. Ora deve riportare un morto alla sua famiglia, un operaio deceduto sul cantiere.
Easy però è naive e perde quasi subito l’auto. Il suo viaggio proseguirà di autostop in autostop, a dorso di mulo e con ogni mezzo di fortuna, grazie al buoncuore di sconosciuti.

Se fossimo in America Easy sarebbe stato presentato al Sundance film Festival tanto la sua idea di cinema è vicina alla tenera stranezza che domina il festival di Redford. Un personaggio poco convenzionale in una situazione assurda (con un mezzo di trasporto assurdo) e un viaggio in cui scoprire sé attraverso gli altri. Il campionario della bontà c’è tutto e Easy ha intenzione di non saltare nemmeno una tappa. Lasciata alle spalle quella che sembra la parte migliore del film, ovvero le relazioni con la madre Barbara Bouchet e il fratello Libero di Rienzo (bastardo e affettuoso per interesse), Nicola Nocella è portato nelle umide autostrade e nei casolari deserti facendo sfoggio di quello sprezzo della modernità che il cinema italiano conosce molto bene.

Qualsiasi artificio moderno è un problema, la tecnologia è un ostacolo nella maggior parte dei casi o comunque una fonte di ridicolo e mai, come è nella realtà, una componente che aiuta e agevola. È uno dei molti dettagli tramite i quali il cinema italiano negli anni ha costruito una specie di realtà alternativa. Non una in cui esistono i supereroi o ci sono gli alieni, ma una che pretende di essere la nostra. Solo che non lo è.
Così Easy dovrà perdere il cellulare e il navigatore satellitare prima di accedere all’empireo dei personaggi in pace con se stessi. Attaccato ai videogiochi e chiuso all’inizio, ambirà addirittura ad una storia sentimentale alla fine nell’umile capanna di contadini vestiti nel costume tipico locale, di fatto chiudendo il cerchio del suo favolistico ritorno all’umanità attraverso un viaggio nelle campagne più profonde e marginali.

Per fortuna c’è Nicola Nocella (attore sottovalutatissimo dal nostro cinema), che dà a Easy i toni migliori e una credibilità concreta. Capace di mantenere l’equilibrio che il film richiede sia nelle gag fisiche (poche ma sempre centrate) che nei molti silenzi in cui il suo personaggio lo costringe, Nocella e il suo cappottone di fatto animano il film, cercando in ogni momento di salvare dalla condanna ad essere solo un campionario di tenerezza.
Posta un commento
Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.