2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

13.9.14

The giver - Il mondo di Jonas (The giver, 2014)
di Philip Noyce

PUBBLICATO SU 
Ci sarebbe da gridare all’ennesima scopiazzatura di Hunger Games se The giver non si basasse su un romanzo del 1993, largamente antecedente a quelli di Suzanne Collins, eppure è inevitabile che il suo primo adattamento per il cinema risenta e richiami il film di Gary Ross e le dinamiche della nuova fantascienza per giovani adulti.

Originariamente The giver (libro) era una specie di versione autonoma dei princìpi base tracciati da Aldous Huxley nel 1932 con Il mondo nuovo, ovvero una società che fa di tutto per levare umanità agli uomini così da tenerli a bada, la divisione in caste (che qui si traduce nell’assegnazione di un futuro scritto per ognuno), la cancellazione del passato del mondo, il concepimento in laboratorio e via dicendo. Ma nella sua versione filmica non diventa La fuga di Logan (forse la versione più fedele nello spirito tra le distopie non direttamente ispirate a Il mondo nuovo) quanto qualcosa tra Hunger Games e Divergent (Meryl Streep ha lo stesso ruolo di Kate Winslet), cioè subisce l’influenza di successi più recenti senza riuscire a centrare i loro stessi obiettivi.

Con un protagonista maschile al posto della consueta eroina ma il medesimo feeling di “essere unici in un mondo che ti vuole omologato”, la medesima metafora del passaggio d’età (è nel momento in cui gli viene assegnato il lavoro per la vita che il protagonista comincia a capire che esiste qualcosa di più) e il medesimo messaggio di ribellione della classe dei figli contro quella dei genitori, The giver si connota come una versione all’acqua di rose delle avventure di Katniss Everdeen.
A mancare totalmente al film in fatti è il fascino di una perdizione totale. L’oppressione perpetrata attraverso l’annullamento delle emozioni non trova mai la rabbia dello spettatore, la lenta scoperta di un altro mondo, fatto di colori, sentimenti e libera espressione è rappresentato attraverso un immaginario di repertorio (nel senso stretto, sono proprio immagini non girate per l’occasione) che attinge più alle pubblicità degli orologi, dei profumi e degli assorbenti!

Il progetto era stato cullato a lungo da Jeff Bridges (che interpreta il grande vecchio incaricato di trasmettere la conoscenza del passato al protagonista) e alla fine è stato scritto da Robert B. Weide e diretto da Philip Noyce, un team decisamente più ferrato con cinema diretto alla generazione dei genitori che a quella dei figli, visibilmente a disagio con l’idea di colpire duro i grandi e assolvere in pieno i più giovani che poi è la base del successo di questi film. Alla fine pare che tutto il compito di rendere la liberazione del protagonista (vero asse portante del film) sia lasciato al passaggio tra bianco e nero e colore. Un po’ poco considerato quel che si vede in giro.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.