2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

11.10.14

I due volti di Gennaio (The two faces of January, 2014)
di Hossein Amini

PUBBLICATO SU 
Forse non c'è maniera più sincera di adattare un romanzo di Patricia Highsmith che farlo come ha fatto Hossein Amini, cioè realizzando un film d'altri tempi, un thriller che solletica pochissimo e utilizza, al pari dei film italiani contemporanei, il genere solo come facciata per mascherare un più classico svolgimento drammatico.
Il caso in questione è un triangolo sentimentale più di testa che nei fatti. Un presupposto giallo classico (un innocente uccide per errore un uomo e da quel momento diventa un fuggiasco) mette insieme una coppia americana con un ragazzo anche lui americano ma da tempo residente in Grecia. Lui è vecchio, lei è giovane e le fobie, la gelosia, la diffidenza verso qualcuno che sa troppo e potrebbe troppo diventano lentamente sempre meno tollerabili durante la fuga nelle isole greche.

È un film più di caldo e abiti che si spiegazzano al sole che di vera suspense, c'è pochissimo del thriller (se non il presupposto) e molto del dramma a tre, molto Coltello nell'acqua e poco Il fuggitivo insomma. Nonostante Hossein Amini abbia in curriculum film commerciali, la collaborazione a Drive e addirittura Biancaneve e il cacciatore, il suo primo film da regista sembra averlo scritto pensando ad un pubblico anziano. Annacquando un po' tutto riesce ad avere un thriller senza thrill, a raccontare una storia potenzialmente disturbante senza disturbare. Come se masticasse lui parte delle pietanze prima di somministrarle al pubblico.

La parte potente di I due volti di Gennaio dovrebbero essere gli ambienti, la fuga in Grecia, il fatto di avere tre americani in trasferta che in paesaggi anche solo visivamente a loro ostili lentamente perdono la testa per le più antiche tra le ossessioni: la persecuzione e la gelosia. Quel fantastico luogo comune del cinema (molto poco applicato) per il quale lo scatenarsi improvviso di un rapporto panico con una natura e luoghi sconosciuti fanno nascere un'altra umanità dentro le persone, ne mettono a nudo istinti e volontà represse. Eppure pochissimo di questo è inalato durante la visione, al massimo se ne sente un vago odore, una specie di ricordo di quella fragranza che si dovrebbe avvertire.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.