2016/2017

2015/2016

2014/2015

2013/2014

2012/2013

2011/2012

2010/2011

2009/2010

2008/2009

2007/2008

2006/2007

2005/2006

2004/2005

10.10.14

Nemico di classe (Razredni sovraznik, 2014)
di Rok Bicek

PUBBLICATO SU 
Rok Bicek non solo ha trovato uno dei nervi più scoperti nel campo dei rapporti sociali del nostro decennio, la sfiducia nelle istituzioni e quindi lo schieramente automatico dalla parte dei singoli. Ma è anche riuscito a girare un film in cui questo è sfrugugliato fino ai limiti del sadismo e della cattiveria, senza mai sconfinarci davvero, per raccontare quel che nessuno racconta mai. Che poi l'abbia fatto a partire dal più scontato dei contesti, il liceo, quello le cui storie sono sempre a senso unico, sempre dalla parte di un soggetto solo, ha del geniale.
A scanso di equivoci, Nemico di classe è un film molto tecnico in cui il regista si nasconde e attraverso un gioco di torti e ragioni, che fa finta di mostrare i fatti per come sono e invece attua il massimo della manipolazione del pensiero dello spettatore con l'obiettivo di dimostrare proprio come molto spesso i meccanismi attraverso i quali ci schieriamo siano sclerotici.

Il principio è quello diventato sempre più pervasivo (grazie a Dio!) dopo Una separazione: creare dei poli d'attrazione di torti e ragioni e cambiarne la polarità di continuo, far sì che lo spettatore sia prima attirato da una parte, convinto dalle tesi o dall'atteggiamento di qualcuno e poi invece attirato dall'altra, costretto cioè a cambiare idea. Questa volta per l'appunto più che i fatti (come nei film di Farhadi) sono gli atteggiamenti a tradire una fallacia di ragionamento, perchè nel caso del suicidio di una studentessa il primo degli imputati è un professore duro e inflessibile, che dice le cose come stanno ma soprattutto non è per nulla incline a venire incontro agli studenti, un professore fuori dal tempo che ha una visione del rapporto insegnante/studente da anni '50: "Una volta gli studenti temevano noi, oggi noi temiamo loro. Non l'hai ancora capito?" Gli dice ad un certo punto la preside, che si trova a mediare tra la sua durezza e una possibile rivolta di un gruppo di studenti che hanno motivo d'incolpare lui e i suoi metodi del suicidio della ragazza. Il professore in questione è tedesco e la scuola slovena, chi ha nozioni avanzate di storia e cultura slovena può cogliere ulteriori livelli di lettura in questo, tuttavia anche senza il film funziona alla grande.

Ma non gli bastava a Rok Bicek e per essere ancora più duro mette tra gli studenti in rivolta contro il professore "nazista" anche uno più sensibile a cui è morta la madre da pochissimo, il massimo dell'incontestabile. Fa bene quindi vedere Nemico di classe, perchè è cinema di testa che non dimentica mai la forma, che sa che sul grande schermo qualsiasi concetto nasce da come si riprende e si monta alla stessa maniera che da come si scrive o si recita, per questo mette la forma al servizio degli schieramenti, lavora di ambienti stretti e macchina a mano per creare un scontro che non è fisico ma di parola, di logica e che ad un certo punto necessita di un clamoroso superamento del più atavico, banale e radicato dei pregiudizi. C'è una punta della cattiveria di Haneke verso lo spettatore unita all'amore per la forza delle parole dei cineasti degli anni '60 in questo ragazzo all'opera prima.

Nessun commento:

Creative Commons License
...ma sono vivo e non ho più paura! by Gabriele Niola is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 3.0 Unported License.