2.11.08

Kiki Consegne A Domicilio (Majo no takkyûbin, 1989)
di Hayao Miyazaki

Share |

Solo un anno dopo Una Tomba Per Le Lucciole lo studio Ghibli partorisce Kiki Consegne a Domicilio, un minore nella filmografia di Miyazaki. Ma che minore!
In un mondo che ricorda quello di Il Castello Errante di Howl (anche se questa è una stortura dovuta al fatto che ho visto prima quest'ultimo, ovviamente sarebbe il contrario), dove cioè la magia è all'ordine del giorno anche se valgono i medesimi principi (il passatismo su tutti) del nostro di mondo e dove i vecchi hanno ruolo marginale per la società ma fondamentale per l'autore, si muove la strega Kiki, la solita protagonista miyazakiana in contatto empatico con la natura e i suoi elementi e capace in un modo o nell'altro di volare.

E proprio il volo in questo film riceve forse il trattamento migliore di sempre, delicato e curato nella sua naturalezza, desiderato dagli altri personaggi che non sono dotati di poteri e venerato da Kiki come il suo dono più importante, sembra essere ancor più centrale di quanto non lo sia in Porco Rosso.

Ma la grandezza straordinaria e l'arroganza del modo di raccontare e di intendere un racconto di Miyazaiki sta tutta nel personaggio del gatto nero che si accompagna a Kiki ,il quale di punto in bianco smette di parlare e di essere "magico" per tornare un gatto normale senza che le motivazioni vengano mai spiegate ma solo suggerite per immagini.

Non so se sono io che ormai sono diventato come il cane di Pavlov e rispondo meccanicamente ad ogni nota, ma lo score di Joe Hisaishi mi sembra ancora più straordinario del solito, parte fondamentale dell'empatia generale della pellicola.

8 commenti:

Christian ha detto...

Il film è meraviglioso, così come l'ambientazione (con quella città un po' Napoli, un po' Marsiglia, con le scritte gotiche come se fossimo in Tirolo). E sì, la colonna sonora di Hisaishi è una delle sue migliori. Se non sbaglio, nella versione italiana/internazionale hanno cambiato la (bellissima) canzone che Kiki ascolta alla radio quando decolla per la prima volta.
Ciao!

gparker ha detto...

questa cosa della canzone alla radio non la so, ma la cittadina e più in generale il mondo nel quale ci si stupisce ma solo poco per la magia è un ambiente stupendo. Come in Porco Rosso dove la gente si stranisce che lui è maiale ma in fondo neanche troppo. Geniale.

frankie666 ha detto...

ti dirò, a me non ha entusiasmato...

Fabio ha detto...

A me invece questo manca.

gparker ha detto...

non è una cosa fondamentale, ma anche il meno memorabile dei Miyazaki è ovviamente superiore ad ogni media.

Lui ha detto...

é Bellissimo, Frankie te non capisci proprio nulla!! ;)

gparker ha detto...

dovevi scrivere "capisci" con la k

Mr Oz aka Alessio Gianni ha detto...

Cioè l'hanno ripubblicato?
Io l'ho trovato bellissimo, direi superiore a Howl.
Uno dei segreti di Miyazaki credo sia proprio la capacità di far passare per quotidiane cose che sono invece dell'altro mondo. Gatto-bus per primo.